La Siria in rivolta, tra il fermento della società civile e gli interessi stranieri

Il confronto tra governo e popolo, a distanza di cinque mesi dalle prime manifestazioni di protesta, è caratterizzato ancora da una violenta repressione da parte dell’esercito e dalla continua inadempienza delle importanti riforme del sistema chieste dal popolo all’inizio dei disordini. Alla luce di quanto accaduto in questi mesi, il popolo siriano chiede ora le dimissioni del presidente Bashar al-Asad.

Leggi il seguito

L’ingenuità creativa degli africani, via al ‘Maker Faire’

Torna il Maker Faire Africa, giunto alla sua terza edizione. L’appuntamento è dal 6 all’8 ottobre al Cairo. Invenzioni e innovazioni di ogni genere: dall’hi-tech all’uso di materiale di scarto, da nuove tecniche agricole all’utilizzo dell’energia solare.
Un’ulteriore occasione per conoscere l’enorme potenziale della creatività africana, ma anche un evento per imprenditori lungimiranti alla ricerca di novità e prodotti su cui investire.

Leggi il seguito

Le rivolte inglesi nel contesto internazionale

Per quanto il governo e l’apparato politico inglese vogliano relegare le rivolte scoppiate a Londra e in altre città a puri episodi di delinquenza comune, occorre un’analisi più attenta della situazione. Non solo il Nord Africa e il Medio Oriente, ma anche l’Europa, stanno attraversando un periodo di crisi economiche e sociali. Non basterà il giro di vite dei governi per risolvere i problemi.

Leggi il seguito

Gli scenari della fame dal Corno d’Africa al resto del mondo

La grave siccità che sta affliggendo il Corno d’Africa e l’Africa orientale è un’emergenza umanitaria che richiede urgente attenzione. L’articolo di Paul Rogers, che traduciamo da openDemocracy.net, segnala anche una crisi globale: la convergenza di insicurezza alimentare, disuguaglianza e cambiamento climatico.

Leggi il seguito

Energia e pace in Medio Oriente

Nei Territori occupati, dove la gente non può accendere la luce, tenere il cibo in frigo, caricare un cellulare (cose che fanno parte della nostra vita quotidiana) c’è chi ha pensato di usare le energie alternative, eolico e solare, per tentare di migliorare la vita di queste comunità. Si tratta della COMET-ME progetto israelo-palestinese. Ci lavorano persone delle due “sponde”, insieme per assicurare un contributo reale al cambiamento.

Leggi il seguito

Africa: energia e opportunità d’investimento

Pur contando entro i suoi confini alcuni degli Stati più poveri del mondo, l’Africa ha ampia disponibilità di risorse naturali inutilizzate. Così, con opportuni sostegni all’economia, l’industria dell’energia, ancora sostanzialmente marginalizzata, potrebbe diventare uno dei settori guida dello sviluppo.

Leggi il seguito

Costa Rica: più politiche sociali e ambientali grazie al disarmo?

Dal 1° dicembre 1948, grazie all’allora Presidente J.F. Figueres Ferrer, La Repubblica centroamericana di Costa Rica non ha più un esercito. Lo sancisce la Costituzione. Grazie alle risorse così risparmiate si è potuto intraprendere uno sviluppo sostenibile ma, benché dal confronto con molti altri Paesi dell’area la Costa Rica emerga vincente su molti fronti, resta il problema di una criminalità in crescita.

Leggi il seguito

Sud Sudan: "finalmente liberi"

Così hanno detto di sentirsi i cittadini della nuova Nazione nel giorno della cerimonia che ne ufficializzava la nascita: “liberi”. Il 9 luglio è nato il 54esimo Stato africano, dopo anni di guerra, migliaia di vittime e tentativi di negoziati. Cosa pensa la popolazione di questo storico evento? In questo post, pubblicato su Global Voices, le reazioni di alcuni blogger.

Leggi il seguito

Terra africana, fra speculazione e sviluppo

Continua la corsa all’investimento nei Paesi africani per accaparrarsi la terra. Da un recente rapporto del think tank indipendente Oakland Institute emerge che fra gli investitori privati (oltre agli Stati sovrani che investono per motivi strategici legati al fabbisogno alimentare) cresce il numero delle società finanziarie che gestiscono fondi speculativi.

Leggi il seguito

Guinea Conakry, suggerimenti per una democrazia africana

Human Rights Watch ha recentemente presentato un Rapporto sul Paese, di cui sono stati analizzati gli aspetti legati ai diritti civili, politici e ai diritti umani. A un anno dalle prime elezioni libere dall’inizio della storia di questa giovane democrazia dell’Africa occidentale l’ONG ha lungamente presidiato e “studiato” il territorio, fornendo uno spaccato ampio e documentato della situazione.

Leggi il seguito