15 Aprile 2024

Galleria

Il “miracolo Ruanda” sarebbe frutto della repressione del dissenso

Human Rights Watch accusa il Ruanda a guida Kagame e Fronte patriottico ruandese di dare la caccia alle voci dissenzienti anche oltre confine. Proteggere l’immagine internazionale del Paese varrebbe ogni abuso. Omicidi, rapimenti, sparizioni forzate, aggressioni. I parenti rimasti in patria che diventano bersaglio per silenziare gli altri fuori dal Paese. E la manipolazione dell’Interpol per ottenere arresti ed estradizioni dei dissidenti, reali o presunti. L’indagine “Unisciti a noi o muori” raccoglie 150 testimonianze dal mondo e dichiara il fallimento di comunità internazionale e Nazioni Unite: è inaccettabile che restino ancora a guardare.

Leggi di più

Gaza, perché l’ordine di evacuazione viola il diritto internazionale

In seguito agli attacchi lanciati da Hamas il 7 ottobre scorso, Israele ha avviato una durissima controffensiva dichiarando lo stato di guerra per la prima volta dal 1973. Nel bel mezzo di una serie implacabile di bombardamenti, ha ordinato a 1,1 milione di civili residenti nella zona Nord della Striscia di Gaza di spostarsi a Sud in soli due giorni. E non soltanto, ha richiesto anche lo spostamento dei pazienti di numerosi ospedali. Un ordine impossibile da mettere in pratica, considerata la totale assenza di tutela dei civili e delle loro vite. Si delinea quindi chiaramente la violazione del diritto internazionale.

Leggi di più

Venezuela, il decennio della crisi: dall’economia al settore sanitario

Un tempo uno dei Paesi più prosperi dell’America Latina, si trova in un momento storico particolarmente concitato: a un decennio dalla morte di Hugo Chavez il suo successore Maduro è ancora il presidente della nazione, ma essa fatica a riprendersi dal crollo degli ultimi anni. Il settore pubblico è in ginocchio, con una settore sanitario che arranca e malattie credute sconfitte che riemergono; la malnutrizione interessa una grossa fetta della popolazione e la scolarità è sempre più bassa. Per molti l’emigrazione è la soluzione.

Leggi di più

Nagorno-Karabakh, resta alto rischio scontri. Civili ancora in fuga

Il 19 settembre, le truppe azere hanno lanciato un’operazione militare contro l’auto-proclamata Repubblica dell’Artsakh. Un numero ingente di rifugiati si sta muovendo verso l’Armenia. Il numero elevato di persone in fuga e la situazione critica sul campo rischiano di aggravare una situazione umanitaria già da tempo compromessa. Voci Globali ripercorre la spirale di violenza che dagli anni Novanta ha interessato i due Paesi. Legate da una storia di nazionalismo esasperato e azioni di pulizia etnica, Baku e Yerevan sembrano essere nuovamente sull’orlo di guerra allontanando le speranze di pace nel Caucaso.

Leggi di più

Libia, a un mese dalle inondazioni la situazione rimane drammatica

Il crollo di due dighe in seguito a piogge torrenziali di eccezionale portata hanno spazzato via città, quartieri, strade, edifici, industrie oltre a provocare migliaia di vittime, come in un bollettino di guerra: questa la situazione nel Nord-Est libico dopo la tempesta di metà settembre. Con ancora 10.000 e oltre persone disperse, il bilancio dei morti potrebbe superare i 15.000. In un Paese politicamente instabile e diviso, con i segni ancora vivi di una guerra e di scontri violenti tra fazioni, la catastrofe umanitaria non può che aggravarsi. Intanto, i sopravvissuti hanno perso tutto.

Leggi di più

Alcolismo, il caso Russia dove bere resta una questione di costume

L’alcol è un grave problema sociale nella Federazione Russa: nonostante le statistiche suggeriscano un calo dei consumi, il suo utilizzo è ancora percepito come la norma e come un mezzo necessario per divertirsi o per rilassarsi. Inoltre, è spesso il rifugio nelle situazioni di disagio più acuto, soprattutto nelle regioni più povere e fredde, dove c’è una maggior prevalenza di disturbi depressivi. Anche nei mezzi di comunicazione si vede spesso una promozione del consumo di alcol, specialmente per quanto riguarda le donne, che vengono “propagandate” come interessanti solo se bevono.

Leggi di più

Salute mentale, la poesia africana come atto di denuncia e terapia

Parole in Folle è il titolo di un progetto realizzato da Voci Globali per sensibilizzare sul tema del disagio mentale e riflettere sul ruolo della parola come strumento di cura. Nell’ambito terapeutico e in quello dell’esperienza poetica, quella che usa la parola per raccontare ma anche per sostenere la propria battaglia contro disturbi e manifestazioni di malessere che toccano sempre più giovani. A Padova i principali appuntamenti: 10 ottobre – Giornata mondiale della salute mentale – conferenza con esperti di vari campi della cultura; 15 ottobre spettacolo di slam poetry e spoken word con artisti africani per la prima volta in Italia.

Leggi di più

Aborto, nel mondo il 40% delle donne subisce leggi restrittive

La lotta per il diritto all’interruzione di gravidanza va ormai avanti da decenni, eppure tale diritto non è ancora universale. I problemi legati a questa pratica sono molteplici, e portano molte donne a non avere accesso alle cure richieste. Di conseguenza, sono numerose coloro che tentano vie secondarie e illegali, spesso dannose per la loro salute. Per questo motivo è necessario lottare ancora al fine di ottenere leggi che non restringano la possibilità di accesso all’IVG, e che permettano di ottenere le cure richieste in maniera sicura e che non sia perseguita legalmente.

Leggi di più

Haiti, quel lontano miraggio della sicurezza e di una vita normale

La Terra delle alte montagne si sgretola. La perla dei Caraibi è devastata da un rincorrersi di crisi che pare inarrestabile, e per la popolazione, ostaggio a un tempo delle bande armate e di uno Stato fallito, ogni diritto fondamentale non sembra ormai più che un’idea. Fame, colera, disastri naturali. La democrazia in bilico, sempre più sangue che scorre per le strade, e centinaia di migliaia di sfollati. Appena a un passo dalla catastrofe. Ne abbiamo parlato con la direttrice esecutiva di Fondasyon Je Klere, Marie Yolène Gilles. E con il direttore del Centre d’analyse et de recherche en droits de l’homme, Gèdèon Jean.

Leggi di più

Giornata della pace, ma nel mondo impazzano guerre e conflitti

Dal 2001, il 21 settembre è un’occasione per tirare le somme riguardo l’eradicazione della violenza e il rispetto (anzi il mancato rispetto) dei diritti umani. Il 2023 segna un bilancio disastroso con un numero di situazioni di ostilità e scontri violenti mai raggiunto dal 1945. Nessun Continente è escluso da questo fenomeno. Voci Globali fa il punto su alcune delle aree maggiormente interessate dalla violenza. La realtà emersa mostra anche forti criticità quando si va riflettere sul ruolo della comunità internazionale in materia di peace-building e peace-keeping nelle aree di maggiore crisi.

Leggi di più