A Messina il Forum della cittadinanza mediterranea

Più di 4.000 euro raccolti dal basso, attraverso una campagna di crowdfunding, per sostenere Sabir Maydan, il primo Forum sulla cittadinanza mediterranea ospitato nell’ambito del SabirFest, in programma dal 25 al 28 settembre prossimo a Messina.

Sabir Maydan si propone come uno “spazio di espressione, creatività, confronto delle mille realtà che compongono i territori del Mediterraneo, ricchi di storia e cultura, ma alla ricerca di diritti civili e nuove opportunità di riscatto”.

L’idea del forum – racconta il promotore Gianluca Soleraè maturata all’interno dell’esperienza politico/narrativa fatta grazie al mio libro “Riscatto Mediterraneo”, che prende le mosse dalla Primavera araba per interrogarsi sui motivi che hanno portato il Mediterraneo ad essere il centro di un riscossa cittadina”.

Obiettivo di questo momento di incontro è quello di “mettere in comune attivisti e personalità varie in un grande contenitore politico/culturale per costruire un percorso volto a difendere l’idea di una integrazione che nasce dalla volontà di iniziativa cittadina”.

Dieci le sezioni in cui sarà strutturato il forum che toccherà svariati temi e argomenti di riflessione, dalla cooperazione per iniziative culturali alla cultura della cittadinanza mediterranea fino alla città come spazio di azione politica.

La nostra volontà – spiega Solera – è anche quella di puntare su una raccolta fondi anche durante l’evento per  creare un vero e proprio fondo per la cittadinanza mediterranea. Ci stiamo inoltre attrezzando per far in modo che tutti possano seguire in diretta i lavori grazie allo streaming”.

Molti gli ospiti dell’evento – sostenuto anche da COSPE e Mesogea. Attivisti, giornalisti, ricercatori e artisti e in agenda anche l’esibizione del musicista Pietro Dall’Oglio, il fratello di Paolo Dall’Oglio rapito in Siria nel 2013, a cui il forum è dedicato, come è dedicato al blogger e attivista politico egiziano Alaa Abdel Fatah, che sta scontando 15 anni di carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *