13 Luglio 2024

Autore: Antonella Sinopoli

Salute mentale, la poesia africana come atto di denuncia e terapia

Parole in Folle è il titolo di un progetto realizzato da Voci Globali per sensibilizzare sul tema del disagio mentale e riflettere sul ruolo della parola come strumento di cura. Nell’ambito terapeutico e in quello dell’esperienza poetica, quella che usa la parola per raccontare ma anche per sostenere la propria battaglia contro disturbi e manifestazioni di malessere che toccano sempre più giovani. A Padova i principali appuntamenti: 10 ottobre – Giornata mondiale della salute mentale – conferenza con esperti di vari campi della cultura; 15 ottobre spettacolo di slam poetry e spoken word con artisti africani per la prima volta in Italia.

Leggi di più

Niger, perso l’alleato l’Europa si domanda chi fermerà i migranti

Il golpe di un mese fa ha fatto crescere tra i leader europei, e soprattutto in Italia, una preoccupazione: cosa succederà con i migranti? Non per una questione umanitaria – in migliaia sono bloccati all’interno del Paese senza mezzi di sussistenza e possibili target di violenze e di reclutamenti nei gruppi terroristici – ma perché il presidente deposto, Mohamed Bazoum, garantiva all’Unione Europea il controllo dei flussi migratori. Questo, dal 2016, attraverso una serie di accordi con l’UE in cambio di sostanziosi sostegni economici. Con chi tratterà ora per l’esternalizzazione di quella importante frontiera del Sahel?

Leggi di più

Oltre i confini, poesia che rivendica diritto a viaggiare degli africani

Delle frontiere e dei passaporti che, a seconda del Paese di origine, agevolano o impediscono gli spostamenti delle persone vincolando di fatto il diritto alla mobilità, se ne occupano i Governi, la politica, le organizzazioni per i diritti umani. Ma può e, forse deve, occuparsene anche la poesia che tutto può dire a proposito dell’esperienza umana. E infatti una poesia intitolata Across Borders [Attraverso i confini] è entrata in un’assemblea istituzionale per raccontare l’insensatezza della burocrazia di fronte alle emergenze della vita e la necessità di maggiore coesione interna al Continente africano. Per i commerci e per gli individui.

Leggi di più

Deportazioni e storie che nessuno ricorderà. Quei rifugiati sbagliati

Un rifugiato non è mai al sicuro in quest’Occidente malato e sbagliato. O meglio, dipende da quale parte del mondo proviene. Ci sono due foto che in questi giorni hanno fatto il giro dei social (e una è stata rimossa in tutta fretta). Quella del diciannovenne del Darfur che oscilla da una trave di un centro di prigionia di Tripoli e quella della ragazza ucraina, più o meno coetanea di Mohamed Aziz (questo il nome del ragazzo), che indossa il suo abito da cerimonia tra le macerie della sua scuola. Foto che incarnano il modo in cui vediamo e interpretiamo medesime sciagure. E intanto si dà il via a operazioni di deportazione dalla GB al Rwanda.

Leggi di più

Migranti, i ritorni favoriti dall’OIM ma segnati da dolore e speranza

Non sempre ce la fanno. Non sempre riescono a raggiungere l’Europa o a sopportare gli abusi e le violenze dei lager libici. Così, molti migranti fanno la scelta del “viaggio di ritorno”. Sono viaggi che rientrano anche nei programmi e fondi a disposizione dell’UE e dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. E sono proprio i ritorni dalla Libia quelli più numerosi, rispetto ai reimpatri dai Paesi europei. È il caso, per esempio, del Ghana, dove solo lo scorso anno sono arrivati tre charter con a bordo, ognuno, 150 persone. Che dovranno rifarsi una vita e affrontare lo stigma del fallimento nella comunità.

Leggi di più

Sabrina Onana, un doc per affrontare stereotipi su afrodiscendenza

Sabrina Onana è una giovane regista italocamerunese di Napoli e trasferita a Parigi. Ha dato vita ad un progetto che indaga sugli afroitaliani, sullo ius soli, e sulle seconde generazioni. Sabrina è anche fotografa, insomma una persona a cui piace raccontare attraverso il mezzo visivo o audiovisivo. Ha studiato sociologia alla Sorbona ed è lo sguardo ad una società che cambia che ha ispirato “Crossing the color line“, documentario in due parti in cui racconta le giovani generazioni di afroitaliani, dà loro voce e mette in luce le incongruenze di una società (e di una politica) che non sa osservare e gestire il cambiamento.

Leggi di più

Karim Metref, dall’Algeria ad un’Italia dalle tante voci migranti

Nato in Algeria è in Italia da oltre vent’anni. Karim Metref è educatore, ha lavorato per molti anni come giornalista e animatore radiofonico nella città dove vive, Torino. Continua a scrivere come indipendente ma si dedica anche a diffondere le voci, la scrittura, dei migranti. Karim dà spazio a questa letteratura attraverso un progetto online che si chiama Letterranza. Molto interessante soprattutto per capire l’Algeria, il suo sito Divagazioni. In questa intervista, tra le altre cose, ci avvicina al suo Paese, che negli anni delle lotte per le indipendenze divenne polo di attrazione per i movimenti di liberazione nel mondo.

Leggi di più

Diritto alla mobilità solo per i ricchi. Per gli altri passaporti inutili

Si fa sempre più ampio il gap tra Paesi occidentali e quelli cosiddetti in via di sviluppo per quello che è un diritto fondamentale di tutti gli esseri umani. Lo conferma il nuovoHenley Passport Index. In sostanza ci sono cittadini/individui che grazie al loro passaporto possono viaggiare in molti Paesi del mondo senza bisogno di un visto o richiedendolo all’arrivo. Ma ce ne sono poi milioni e milioni che sono praticamente prigionieri nel loro Paese. Pochissimi per loro gli Stati Visa-free. E non è un caso che i Paesi in fondo alla lista siano colpiti da problemi sociali, economici e da lunghi conflitti.

Leggi di più

La rivolta di Haiti e il ricordo della tratta che fece milioni di schiavi

Il 23 agosto è la Giornata Internazionale per la Commemorazione della Tratta degli Schiavi e della sua Abolizione. Una data scelta a ricordo della rivoluzione di Haiti che segnò una svolta nel destino degli schiavi e della schiavitù. Una ribellione, durata 13 anni, che non solo si concluse con l’indipendenza del Paese e la fine del colonialismo francese, ma ispirò i movimenti abolizionisti e le lotte di liberazione. Eppure, secoli di disumanizzazione degli schiavi hanno ferite ancora aperte, traumi irrisolti e lunghi strascichi. Il razzismo istituzionale è uno di questi.

Leggi di più

Luisa Wizzy Casagrande, quel ponte culturale tra Veneto e Biafra

Antropologa, imprenditrice, mentoring e fondatrice del blog Métissage, sangue misto. Luisa Wizzy Casagrande ci racconta della cultura mixed, di come viene sentita ed espressa in Italia e della necessità di continuare un confronto diretto, e una riflessione scevra da prese di posizione – compreso l’uso del linguaggio – sui temi della “bi-razzialità” e multiculturalità. Nata in Nigeria, cresciuta tra le culture Igbo e Yoruba ha poi trovato in Veneto altre strade di espressione, mettendo sempre al centro la necessità di allargare lo sguardo per superare la “sindrome dell’impostore razziale”.

Leggi di più