Egitto, la faccia pubblica e quella privata di al-Sisi

La dissonanza cognitiva è uno stato di contraddizione e incoerenza tra le proprie convinzioni e le azioni. Ultimamente, questo termine ha descritto perfettamente l’atteggiamento dei funzionari egiziani – se si presume che essi stessi credano in ciò che dicono – e la recente visita del presidente al-Sisi in America ne è la dimostrazione più evidente. Il regime egiziano mostra al mondo un’immagine di rispetto di libertà e diritti che, in realtà, vengono costantemente violati. Col passare del tempo, i giovani sono stati enormemente emarginati, perseguiti e molti stanno patendo in carcere. Chi aveva un po’ di fede, ora l’ha persa.

Leggi il seguito

Across the Sea, un archivio sulle rotte e storie di migranti

Storie di migranti in Rete. Testimonianze attraverso video, foto, post, articoli, interviste. Mentre alla plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo Angela Merkel afferma che il regolamento di Dublino è ormai superato e che occorre guardare a nuove procedure nel segno dell’equità e della solidarietà, il web è stato in questi anni – e continua ad essere – un archivio in progress di narrazioni di lunghi e dolorosi viaggi in cerca di un altrove. Voci Globali ha rivolto qualche domanda al Segretario nazionale del Servizio Civile Internazionale, Riccardo Carraro.

Leggi il seguito

Movimenti migratori dall’Africa, rivincita sul passato

A lungo è stato celebrato lo straordinario coraggio – che ancora oggi suscita meraviglia – degli esploratori europei, che affrontavano mari e luoghi sconosciuti con pochi strumenti scientifici a disposizione per l’orientamento e la sopravvivenza. Si tratta di una straordinaria evidenza della determinazione umana. Oggi quello stesso coraggio viene dimostrato dai migranti che cercano di raggiungere l’Europa. Ed ecco anche perché, come è stato riconosciuto più volte dalla Commissione Europea, l’Europa che sta invecchiando dovrà affrontare la questione della sua necessità di migranti.

Leggi il seguito

Musica e web, costruzione di relazioni e ricerca di sonorità

Elio Martusciello, Giulio Aldinucci e Alessandra Eramo – tre professionisti del suono – sono alcuni degli artisti che hanno preso parte al Realityvism 2015, un evento-occasione che ha offerto lo spunto per ragionare sulla tecnologia come strumento per reinventare “pratiche e politiche che attraverso la Rete escono dalla Rete per contagiare i corpi e la vita”. Dall’universale accesso alla musica e ai suoi dispositivi per produrla, analizzarla e ripensarla, ad approcci più critici come l’atrofizzazione delle abilità connesse alla nostra intelligenza emotiva. Ma Rete anche come rapporto reticolare fra arte e spazio urbano.

Leggi il seguito

La poesia dell’Africa nelle voci e volti di Badilisha

L’Africa è poesia. Se non vi sentite a vostro agio con questo accostamento allora provate a viaggiare tra le voci, le frasi, le pause e i respiri di Badilisha. Un mondo di parole, rime e accordi poetici che fa incontrare un’Africa in cui esperienze e realtà quotidiane si tramutano in poesia: Badilisha è Il primo archivio di poeti africani online, pensato per raccogliere voci e volti di talenti noti e meno noti sparsi nel continente africano e nel resto del mondo. Africani neri, africani bianchi, africani della diaspora , raccolti in un contenitore virtuale che – dal 2012 ad oggi – è diventato spazio di conoscenza.

Leggi il seguito

Eurozona e media, la crisi spiegata da prospettive locali

La crisi dell’Eurozona, una questione molto complessa che ha ripercussioni economiche, politiche e sociali per tutte le nazioni coinvolte, rappresenta la sfida più grande che l’UE si sia trovata ad affrontare. I media europei se ne sono occupati ampiamente, ma resta da vedere se sia stata data un’adeguata esposizione di tutti gli aspetti complessi della crisi, sia sulla stampa che in televisione, e se i media dei diversi Paesi si siano concentrati in modo sufficiente su tutti questi diversi aspetti superando prospettive localistiche. Uno studio rivela le modalità di copertura della stampa e l’approccio dell’informazione alla questione.

Leggi il seguito

ISIS, distruggere i reperti antichi per cancellare l’identità

C’è così tanto dolore e senso di perdita, riflette la scrittrice Nicci Gerrard in un articolo per The Guardian sui pazienti affetti da demenza. La Gerrard descrive questa sofferenza – la perdita di un’identità radicata nella conoscenza comune, la cancellazione della storia, l’insidioso e irreversibile attacco al sapere e all’essere – come un “paesaggio dannato” che ci fa provare dolore. E si domanda: “Chi siamo nel momento in cui abbiamo perso i nostri ricordi?”. Analogamente, la rivoluzione in atto vuole la cancellazione della memoria, finché anche la Storia sarà sotto il controllo dello Stato Islamico.

Leggi il seguito

Un giro del mondo ‘alternativo’ per svelare lotte e diritti negati

Pubblichiamo l’esperienza di Daniela Biocca e Stefano Battain. Daniela e Stefano sono i protagonisti di un viaggio in oltre 20 paesi nei 5 continenti. Un giro del mondo in 266 giorni, per dare forma al progetto ALTERRATIVE, fusione delle parole “Terra” e “Alternative”. Lo scopo è incontrare associazioni, piccole organizzazioni e cooperative impegnate a promuovere la sovranità alimentare e i diritti delle donne, ma anche e soprattutto vedere con i propri occhi, comprendere meglio e documentare la realtà di chi lotta per un mondo alternativo e diverso dal basso.

Leggi il seguito
Pagina 30 di 102« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »