Archivio | openDemocracy

Tags: , , ,

Tradizioni locali e diritti umani, un dialogo difficile

Data: 19 January 2015 di

In Africa c'è ancora chi sostiene che i costumi dei Paesi e religioni debbano dettare le regole della convivenza civile.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , ,

Facebook e il rischio di danni alla salute mentale

Data: 14 January 2015 di

Negli ultimi dieci anni, Facebook ha aggiunto una nuova dimensione alla vita di oltre un miliardo di persone, e insieme ad altri social network come Twitter e Instagram, ha creato una categoria di legami sociali del tutto nuova. Un numero sempre più ampio di studi nell'ambito della psicologia e delle scienze sociali analizzano il fenomeno dei social media e come stanno cambiando le nostre vite, in meglio o in peggio. Ecco alcuni risultati.

Commenti (0)

Tags: , , , , , ,

I social media e la rappresentazione dei conflitti

Data: 12 January 2015 di

I mezzi di comunicazione tradizionali hanno avuto a lungo il monopolio sul modo in cui sono rappresentate la guerra e le catastrofi. Fino a poco tempo fa, quello che vedevamo era essenzialmente il risultato del lavoro di alcuni fotografi coraggiosi. Oggi le cose sono molto diverse: ogni giorno sui social vengono caricate milioni di fotografie da tutto il mondo. Un articolo su come lo "sharing" delle immagini cambia la nostra percezione e consapevolezza dei crimini verso i diritti umani.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , , ,

La crisi ucraina e il “ritorno” degli armamenti nucleari

Data: 22 December 2014 di

Un'analisi di openDemocracy sulla questione nucleare, quando appaiono ormai lontani i tempi in cui il disarmo dominava l'agenda globale. Negli ultimi anni, il disarmo nucleare non ha più visto grandi sostenitori. Abbiamo capito ancora una volta, purtroppo, che c'è bisogno di una crisi per ottenere l'attenzione del pubblico e dei politici in tema. Il problema è che le situazioni di crisi portano a considerare le armi atomiche ancora più attraenti e utili invece di spingere verso la loro eliminazione.

Commenti (0)

Tags: , , , , , ,

Africa: oltre i finanziamenti esteri, le Ong verso strategie locali

Data: 16 December 2014 di

Nel corso dell'ultimo decennio, la crisi finanziaria globale ha creato molti problemi alle associazioni africane per i diritti umani, per i seri tagli ai finanziamenti apportati dalle nazioni occidentali, mettendo in questione la loro stessa sopravvivenza. Queste associazioni potranno sopravvivere alla crisi se riusciranno a focalizzarsi sulle risorse locali, sviluppando anche un nuovo tipo di mentalità orientato in qualche modo a concetti tradizionali finanziari e di "business" .

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , ,

Schiavitù minorile, una generazione di bambini a rischio

Data: 10 December 2014 di

Il fenomeno della schiavitù dei bambini non è mai stato così diffuso come oggi. Ogni giorno, bambini di appena cinque anni sono venduti al mercato nero a un prezzo inferiore a quello del bestiame. E quando si trovano nelle mani del nuovo padrone, sono costretti a lavorare per 20 ore al giorno. Le bambine subiscono una situazione particolarmente a rischio, perché più vulnerabili rispetto allo sfruttamento sessuale. Per sradicare il fenomeno serve un approccio globale a ciò che è un problema globale. L'istruzione è il punto di partenza.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , ,

L’intolleranza per l’impunità non rende la CPI nemica della pace

Data: 01 December 2014 di

La ricerca di responsabilità per i crimini di guerra rende più difficile l'opera dei mediatori di pace,ma ciò resta necessario. Naturalmente, esiste una tensione continua tra la ricerca della pace e la necessità di giustizia. Ma è inutile far passare misure di impunità per giustizia alternativa. Giustizia e pace possono collaborare, peraltro l'impegno della CPI di porre fine all'impunità è stato sancito dalle Nazioni Unite nel diritto e nella politica internazionale.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , , , , , ,

Cina, l’escalation di violenza nella lotta uigura

Data: 20 October 2014 di

Delegittimare la resistenza pacifica della minoranza musulmana sta comportando un inasprimento del conflitto. Negli ultimi anni, c'è stato un tragico aumento di episodi violenti attribuiti al malcontento degli Uiguri presenti in Cina. Mentre il Governo cinese ha dato la colpa alla radicalizzazione islamica e all'istigazione da parte delle forze straniere, le principali organizzazioni internazionali per i diritti umani indicano come cause della crescente instabilità nello Xinjiang l'aggressione sistematica ai diritti degli Uiguri e l'accresciuta militarizzazione da parte dello Stato.

Commenti (1)

Tags: , , , ,

Lampedusa, un anno dopo: cosa è cambiato?

Data: 10 October 2014 di

La stigmatizzazione e la criminalizzazione dei migranti continuano e le politiche sulla sicurezza prevalgono sulla protezione.Da Mare Nostrum a Frontex, le iniziative prese finora non si sono dimostrate iniziative efficaci per la salvaguardia delle vite umane e i controlli ad alcune frontiere continuano ad essere caratterizzati da violenze e abusi. Come quelle - per esempio - a Ceuta e Melilla, per arrivare dal Marocco alla Spagna. E anche le coste italiane rimangono una meta pericolosa per chi cerca l'ingresso in Europa.

Commenti (0)

Tags: , , , , , , ,

Stato islamico, come si è arrivati alla situazione attuale

Data: 17 September 2014 di

Agli inizi del 2014, in Occidente il movimento allora conosciuto come Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS o ISIL) e oggi semplicemente come Stato Islamico (IS), non destava particolari preoccupazioni. La cosa è cambiata radicalmente insieme all'avanzamento veloce di questo gruppo attraverso zone dell'Iraq, inclusa la cattura della città di Mosul. Su quali basi poggia la propaganda e il seguito dell'IS? Indietro nei millenni verso i nostri giorni, un'analisi da openDemocracy.

Commenti (0)

Pagina 1 di 712345...Ultima »





Per contattarci, scrivi a info@vociglobali.it

Iscriviti alla nostra newsletter
Sotto l'ultima edizione:
Charlie è Ahmed, il reclutatore, fotografia e social media, guerre informatiche