Citizen journalism, libertà di stampa e nuova informazione

Giovani studenti del Fermi di Bologna propongono una riflessione su vecchi condizionamenti e nuovi aspetti del giornalismo. Dalle inchieste di Reporters without borders sulla situazione della stampa nel mondo alla legge Gasparri, alle attività di attivismo online dei cittadini che monitorano il rispetto dei diritti umani.

Leggi il seguito

ONG a difesa dei diritti umani

Studenti del Fermi (Bologna) analizzano le attività e i campi di intervento di Amnesty International e Human Rights Watch. Lavoro realizzato nell’ambito del corso in “Diritti Umani e Giornalismo Partecipativo – Per una Comunicazione Umanitaria”. Un corso per sensibilizzare i giovani sui temi e le tecniche del citizen journalism legati alla tematica dei diritti umani.

Leggi il seguito

Diritti umani e giornalismo partecipativo al Fermi di Bologna

Un corso per sensibilizzare giovani studenti di liceo sui temi e le tecniche del citizen journalism legati alla tematica dei diritti umani. Sulle nostre pagine pubblicheremo i lavori dei ragazzi. Un approfondimento degli argomenti che li hanno interessati di più durante le lezioni.

Leggi il seguito

Voci Globali alla Casa dei Nuovi Stili di Vita 2012

Domenica 23 settembre, l’associazione Voci Globali ha partecipato per la terza volta alla “Casa dei Nuovi Stili di Vita”, evento di piazza organizzato in occasione dell’annuale Festa Provinciale del Volontariato a Padova: nel post un resoconto sulla nostra partecipazione insieme ai risultati di un nostro questionario sui social media rivolto ai passanti.

Leggi il seguito

Giornalismo e media partecipativi

Molte novità stanno avvenendo nel mondo del giornalismo. Come si scrivono le notizie? Chi le scrive? Come arrivano ai lettori? In questo articolo introduciamo alcuni temi di cui parleremo nella sezione sul citizen journalism. Si parla di come alcuni giornali come l’inglese Guardian stanno usando i nuovi strumenti del web e dei social network e delle possibilità che si aprono per i lettori più attenti.

Leggi il seguito

Le parole in Rete, le rivoluzioni nelle piazze

Il ruolo dei Social Network nelle proteste in Nord Africa e Medio Oriente, enfatizzato o sminuito. Se ci affidiamo alle statistiche scopriamo che la diffusione di Internet in quelle aree è molto bassa. Il clamore l’ha creato una sorta di cooperazione tra i dimostranti della piazza e quelli, dall’Occidente, collegati in Rete. Una sorta di “cittadinanza attiva comune” che ha coinvolto persone che avevano a disposizione strumenti diversi: chi solo la parola, chi anche Internet per diffonderla.

Leggi il seguito