Sud Sudan, un capo tribù donna contro la violenza sessuale

Di recente è stata eletta a capo dell’etnia Nuer una donna, Rebecca Nyandier Chatim. Potrà realmente contribuire a cambiare la situazione di disuguaglianza di genere e violenza all’interno dello Stato africano? In realtà non si può pretendere che le donne leader cambino da sole un sistema patriarcale violento ben radicato nella società. Tuttavia, con l’aiuto di chi le sostiene possono senz’altro assumere un ruolo guida e contribuire a trasformare questa situazione. In questo articolo alcune ricerche e analisi sul campo.

Leggi il seguito

Kordofan, l’alba della terza guerra civile sudanese

Testimonianza da un’area quasi inaccessibile agli osservatori e alla stampa straniera. Mentre aumentano crimini e profughi. Una volta geograficamente centrale, il Kordofan ha cambiato posizione e confine dopo l’indipendenza del Sudan del Sud. La parte Sud, cioè quella dominata dalle montagne di Nuba, è la terra tra due fuochi, i ribelli del SPLM-N da una parte e le forze armate del SAF dall’altra. Lo Stato sudanese non hai mai visto di buon occhio l’indipendenza di questi luoghi, soprattutto per la presenza di giacimenti petroliferi (un barile su cinque esportati dal Sudan proviene proprio dal Kordofan).

Leggi il seguito

Sudan: conto alla rovescia per il referendum, scontata la nascita del Sudan del Sud

Il 9 gennaio si terrà il referendum per decidere l’eventuale creazione del nuovo Stato: con tutta probabilità, il più grande Paese africano si dividerà in due. Ecco una panoramica sulle opinioni più recenti dei blogger riguardo l’imminente votazione: qualcuno accenna anche a possibili conseguenze negative, violenze incluse.

Leggi il seguito