Libertà di espressione: il caso Hasél, come l’Europa limita l’arte

La controversa figura di un cantautore arrestato in Spagna per insulti alla monarchia, alle forze dell’ordine e per aver glorificato il terrorismo, fornisce lo spunto per una riflessione sui “crimini ideologici” a livello continentale. Il dibattito sulla libertà di espressione, tra leggi che mandano in galera i rapper, mirano a controllare le discussioni negli Atenei e puniscono le rappresentazioni dissacranti, ha molto più a che fare con l’esercizio del potere che con i limiti da imporre all’estremismo. La sicurezza nazionale è troppo spesso il pretesto per limitare il dissenso politico radicale, la satira ma anche l’attivismo.

Leggi il seguito

Satira migrante: vignette clandestine e grafica antirazzista

Oggi, 20 febbraio, è giornata mondiale ONU della giustizia sociale, e oggi prende il via un progetto di “crowdfunding” per il libro “Satira Migrante”, che verrà mandato in stampa il 20 giugno, giornata mondiale del rifugiato per le Nazioni Unite.

Leggi il seguito