19 Maggio 2024

diritto alla mobilità

Le politiche migratorie dell’Europa limitano la mobilità dall’Africa

Anche alla luce dei fatti più recenti, che hanno visto l’Italia rifiutarsi di autorizzare uno sbarco di migranti, acquisisce particolare rilevanza un’analisi critica delle politiche migratorie dell’UE. Laddove i Governi europei dichiarano di voler “evitare” che le persone intraprendano viaggi migratori lunghi e travagliati, di fatto non mettono in pratica nessuna azione per aprire corridoi umanitari legali e sicuri, soprattutto per chi parte dall’Africa. Il razzismo verso chi ha la pelle di colore scuro sembra proprio plasmare queste politiche per la “gestione” dei flussi migratori.

Leggi di più

Gli afghani nel mirino di truffe online. Visti falsi per lasciare il Paese

Mentre nel mondo occidentale basta adempiere a pochi step burocratici per ottenere il passaporto o un visto, altrove la situazione è diversa. Dopo il ritorno al potere dei Talebani, in Afghanistan i social media sono stati inondati da annunci di privati o sedicenti agenzie che assicuravano visti per poter partire, dietro cospicuo pagamento. Chi è caduto nel tranello si è ritrovato derubato di migliaia di dollari e, nei casi peggiori, obbligato a intraprendere viaggi pericolosi alla mercé dei trafficanti, per poi finire in Paesi esteri, abbandonato al proprio destinato e ricercato dalle autorità locali.

Leggi di più

La burocrazia che intrappola gli stranieri in un perenne limbo

Un gruppo di giovani esperti di immigrazione e diritti umani, e il diritto dell’immigrazione accessibile a chiunque per “fare chiarezza,

Leggi di più

Diritto alla mobilità solo per i ricchi. Per gli altri passaporti inutili

Si fa sempre più ampio il gap tra Paesi occidentali e quelli cosiddetti in via di sviluppo per quello che è un diritto fondamentale di tutti gli esseri umani. Lo conferma il nuovoHenley Passport Index. In sostanza ci sono cittadini/individui che grazie al loro passaporto possono viaggiare in molti Paesi del mondo senza bisogno di un visto o richiedendolo all’arrivo. Ma ce ne sono poi milioni e milioni che sono praticamente prigionieri nel loro Paese. Pochissimi per loro gli Stati Visa-free. E non è un caso che i Paesi in fondo alla lista siano colpiti da problemi sociali, economici e da lunghi conflitti.

Leggi di più