Myanmar, cronache di un golpe e di proteste coraggiose

Quello birmano è uno Stato giovane, altamente abitato e per l’88% buddhista. La storia di questa nazione è tornata – negli ultimi giorni – alla ribalta sulla gran parte dei media e canali di informazione a seguito di un colpo di stato militare. Per gli ‘addetti ai lavori’, in realtà, tristemente nulla di nuovo; i militari conservano il loro potere politico già all’indomani della dichiarazione d’indipendenza nel 1948. La gravità sta nel fatto che un tale avvenimento pare cancellare le speranze di una transizione graduale verso la democrazia e la libertà; una transizione che il partito di Aung San Suu Kyi stava faticosamente affrontando.

Leggi il seguito

Il Gambia esorta la giustizia internazionale per i Rohingya

Un piccolo Stato africano, con un gesto senza precedenti, sta portando avanti la sua causa in difesa dei diritti umani universali. Il Paese ha agito contro il genocidio del gruppo etnico residente nel nord della Birmania, invocando la violazione della Convenzione sul Genocidio dinanzi alla Corte internazionale di giustizia. Accusando apertamente il governo birmano, il presidente gambiano Adama Barrow ha voluto riportare la giustizia internazionale in primo piano per un caso così grave. La fine delle violenze e delle uccisioni indiscriminate, però, non è affatto garantita.

Leggi il seguito

Rohingya, le tracce storiche di un genocidio annunciato

In Myanmar, la minoranza più perseguitata al mondo è vittima di genocidio e di crimini contro l’umanità. La persecuzione avviene da 40 anni, portata avanti attraverso le bugie e la negazione di ciò che sta avvenendo. Ogni giorno circa 200.000 persone cercano la salvezza al di là del confine in Bangladesh, persino camminando su campi minati. La stessa Aung San Suu Kyi è riluttante a parlare di questa situazione. Il mondo è testimone ma sembra non avere il coraggio di guardare, di riconoscere quello che sta accadendo da molti anni. L’analisi del direttore dell’Istituto su Apolidia e Inclusione di Eindhoven.

Leggi il seguito

Bambini con il fucile, dall’Africa al resto del mondo

Birmania, Africa, ma anche altri angoli del mondo. Nell’azione scellerata di reclutare, rapire e costringere bambini ad imbracciare un fucile non si salva nessun continente. Il Governo del Paese del premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi, ha recentemente firmato un accordo per “rilasciare” i ragazzi assoldati anche dalla giunta militare.

Leggi il seguito