Torna alla luce la storia sommersa della tratta degli schiavi

La storia della tratta, quella sommersa sul fondo dell’Oceano Atlantico, ha ancora molto da raccontare. Da qualche tempo è esploso l’interesse al ritrovamento e al recupero delle navi negriere affondate al largo delle coste africane con il loro carico di merci – comprese quelle umane – mentre erano dirette nelle Americhe. Tre secoli è durato quello che può essere definito un genocidio sistematico. La prima di una serie di scoperte che possono riaprire lo studio e la riflessione sulla schiavitù è stata la São José-Paquete de Africa, e un altro grande progetto è partito in Senegal grazie ad un archeologo del posto.

Leggi il seguito

L’Africa e il dramma dell’immigrazione. Che non finirà.

Un flusso di migranti storico quello verso l’Europa ma anche verso l’interno. Le politiche sbagliate dell’UE e il silenzio dell’UA. “È a partire dal 1970 che i flussi migratori verso l’Europa hanno iniziato a intensificarsi. Nel prosperare della loro economia, i Paesi europei avevano bisogno di lavoratori da impiegare in lavori non qualificati. Ed è in questo modo che ha iniziato a farsi strada l’immagine dei lavoratori immigrati nelle catene di montaggio automobilistiche o dei netturbini neri nelle strade di Parigi. Fino alla metà degli anni ’80, un cittadino delle ex colonie francesi non aveva alcun bisogno di avere un visto per entrare in Francia.”

Leggi il seguito

Il francese, le lingue locali e il complesso di inferiorità

Nessun Paese può svilupparsi se la maggioranza della sua popolazione non comprende la lingua ufficiale. Un’analisi concentrata sull’Africa francofona e in particolare sul Senegal, dove il vero problema non è la presenza della lingua francese, compresa dal 29% della popolazione senegalese, ma l’assenza delle lingue nazionali locali nella sfera ufficiale: vita politico-amministrativa, educazione, formazione. Una questione di sviluppo e di democrazia.

Leggi il seguito

Talibé, i bambini che mendicano recitando il Corano

Sono allievi della scuola coranica, la daara, retta da un maestro, il marabout, in Senegal. In alcuni casi diventano oggetto di violenza, abusi e sfruttamento. Ma il comportamento dei marabout è spesso semplicemente dovuto al numero elevato di studenti che diviene ingestibile in termini economici. Le famiglie vengono meno all’impegno preso e così i bambini sono costretti a guadagnarsi da sè quel poco che serve per nutrirsi.Inapplicata una legge del 2005 che vieta questa pratica.

Leggi il seguito

Senegal al voto: proteste, violenze e social media

Domani 26 febbraio, in Senegal sono previste le elezioni presidenziali. E il clima non è affatto sereno, soprattutto perché ai cittadini è stato negato il diritto a manifestare contro la candidatura di Wade per un terzo mandato, considerata anti-costituzionale. Tra proteste, morti e feriti. i social media restano cruciali (di Renata Morgantini).

Leggi il seguito

Una speranza chiamata permacultura

In Africa un sistema di coltivazione basato sulla cosiddetta “permacultura” può aiutare le popolazioni locali a superare la fase della semplice economia di sussistenza. Nello stesso tempo, può favorire il rispetto e la conoscenza del proprio territorio difendendolo – se possibile – dalle logiche perverse dello sfruttamento delle multinazionali. Moira Fusco, al ritorno del suo viaggio in Benin ci racconta come funziona.

Leggi il seguito