Il sistema ‘Big intelligence’ è il ‘Grande fratello’ della Cina

Il regime cinese spia ogni cittadino della Cina, inclusi i funzionari di alto rango del Pcc, lo riporta Creaders.net, sito web cinese di notizie con sede a Vancouver. Il programma segreto, gestito dal Ministero della Pubblica Sicurezza del regime cinese, si chiama ‘Big intelligence’: in 12 minuti esamina l’intera popolazione di un miliardo e trecento milioni di cinesi, in quattro minuti controlla ogni persona della lista dei ricercati della Cina e impiega tre minuti e mezzo per il controllo della patente di guida di chiunque nel Paese.

Leggi il seguito

Cina, l’escalation di violenza nella lotta uigura

Delegittimare la resistenza pacifica della minoranza musulmana sta comportando un inasprimento del conflitto. Negli ultimi anni, c’è stato un tragico aumento di episodi violenti attribuiti al malcontento degli Uiguri presenti in Cina. Mentre il Governo cinese ha dato la colpa alla radicalizzazione islamica e all’istigazione da parte delle forze straniere, le principali organizzazioni internazionali per i diritti umani indicano come cause della crescente instabilità nello Xinjiang l’aggressione sistematica ai diritti degli Uiguri e l’accresciuta militarizzazione da parte dello Stato.

Leggi il seguito

Cina: oltre il partito, intervista a Wang Hui

A colloquio con l’intellettuale della Nuova Sinistra. Corruzione, Rivoluzione culturale e lo spettro di Mao. Una lunga intervista, condotta da openDemocracy, che aiuta a capire quanto è cambiata la Cina ma anche quanto la coscienza di classe sia un concetto ormai molto sfumato. E il futuro politico rimane un’incognita mentre Tienanmen è una ferita ancora aperta, soprattutto per i giovani che vi presero parte. Tra questi lo stesso Wang Hui, che racconta cosa ha tratto da quell’esperienza.

Leggi il seguito