Rahma Nur, quel corpo nero e tormentato che prende la parola

Rahma, arriva in Italia da Mogadiscio all’età di 5 anni. Insegnante, scrittrice, poeta, trova nella parola il modo per dare forma a emozioni, dolori, traumi. La nerezza e l’invalidità – causata dagli effetti della poliomelite – le fanno conoscere ostilità, discriminazione, ma anche solidarietà, amicizie e le fanno sperimentare quella che chiama “invisibilità”. Per uscire da quell’invisibilità usa la parola. Ed è ancora attraverso la scrittura che riesce a raccontare il dramma della mutilazione genitale. Un evento che ha toccato profondamente la sua vita.

Leggi il seguito

Essere donne in Ghana, tra tradizione e povertà

Essere donna è un privilegio, uno sguardo aperto sul mondo da una prospettiva unica. Ma essere donna ha “conseguenze” specifiche legate al luogo in cui si è nate, in cui si vive, in cui si impara… qualche volta a sopravvivere più che a vivere. Come in Ghana. Paese d’eccellenza per la tenuta democratica, riserva grandi contraddizioni per l’universo femminile, a causa di fenomeni quali la trokosi o le mutilazioni genitali.

Leggi il seguito

Mutilazioni genitali femminili, il caso dell’Egitto

Mutilazioni genitali femminili, fenomeno antico che non smette. E oggi praticato anche da personale medico. Ragioni culturali, sociali, di inibizione della sessualità? Una delle principali mistificazioni in merito alle MGF è, in ogni caso, la loro presunta obbligatorietà religiosa. In questo intervento uno sguardo alla realtà egiziana.

Leggi il seguito