23 Febbraio 2024

lavoratori stagionali

Apartheid coloniale, il peggiore alleato del cambiamento climatico

Surriscaldamento globale, migranti climatici e Paesi ricchi in cerca di manodopera a basso costo. Questi gli elementi di una crisi che riguarda ambiente, economia, politica e diritti umani, in cui le frontiere si aprono per i lavoratori stagionali, ma si chiudono di fronte a milioni di sfollati. Si tratta di persone costrette ad abbandonare la propria casa, vittime di disastri ambientali di cui gli Stati occidentali sono spesso responsabili. La riflessione sulla decolonizzazione conduce a una sola soluzione: de-militarizzare i confini aprendo alla libera circolazione delle persone e non solo delle merci.

Leggi di più

Cosa resta di Rosarno

Mentre a Rosarno è stato da poco inaugurato il nuovo anno scolastico nel segno della speranza per una nuova Calabria e, dopo due anni di commissariamento del Comune, si avvicinano le elezioni amministrative (28-29 novembre), non è tuttavia difficile scorgere il senso di oblio che avvolge gli avvenimenti che pure suscitarono tanto clamore all’inizio di quest’anno. Il regista Andrea Segre ha il merito di tenere alta l’attenzione sulla vicenda di Rosarno grazie al suo ultimo documentario “Il sangue verde”.

Leggi di più

Lavoratori stagionali, molta fatica pochi diritti

Il lavoro stagionale può essere un’opportunità per incrementare i guadagni ma anche un inferno per le condizioni inumane in cui molte persone sono costrette a vivere per brevi o lunghi periodi. Pochi i controlli reali e nessuna tutela nonostante le molte leggi esistenti in materia.

Leggi di più