14 Giugno 2024

Migranti siriani bloccati in Sudan, unica via d’uscita le rotte illegali

[Traduzione a cura di Luciana Buttini dell’articolo originale di Leon Spring e Raed Al Halabi pubblicato su openDemocracy]

Rifugiato siriano. Immagine ripresa da Flickr/Freedom House in licenza CC
Rifugiato siriano. Immagine ripresa da Flickr/Freedom House di dominio pubblico

I nomi delle persone intervistate in questo articolo sono pseudonimi utilizzati per proteggere la loro identità da eventuali ritorsioni da parte delle autorità siriane.

Sono tra i 60.000 e i 90.000 i cittadini siriani attualmente bloccati in Sudan dal conflitto armato  dopo che la promessa di un rientro gratuito in Siria non si è concretizzata. Secondo i rapporti pubblicati, da quando due mesi fa sono scoppiati i combattimenti tra l’esercito sudanese e un gruppo paramilitare, più di 700 persone hanno perso la vita e oltre un milione di cittadini sono stati sfollati all’interno del Paese dell’Africa nord-orientale.

Ahmed D., 41 anni, di Aleppo, è uno dei tanti siriani che si erano stabiliti in Sudan. In un’intervista ha raccontato:

Sono arrivato a Khartoum nel febbraio del 2018. Sono rimasto in Siria fino a quando è diventato davvero impossibile trovare un posto di lavoro e i mezzi per sostenere la mia famiglia.

Dall’inizio della guerra civile siriana nel 2011, il Sudan ha stabilito requisiti di ingresso più semplici per i siriani rispetto ad altri Paesi della Regione. Ahmed si è trasferito a Khartoum quando un ex collega gli ha offerto un impiego in una fabbrica tessile. Il lavoro gli ha permesso di mandare denaro a casa, rendendo la sua famiglia una delle migliaia in tutta la Siria che utilizza le rimesse dall’estero come ancora di salvezza.

La sicurezza ha un prezzo

Quando a metà aprile sono scoppiati i combattimenti a Khartoum, Ahmed non si aspettava che avrebbero avuto conseguenze così devastanti. Come ha riferito:

Gli scontri che ho visto a Khartoum sono molto diversi da quelli a cui ho assistito in Siria. Sono esplosi all’improvviso in tutta la città. Nessun posto era sicuro. Era difficile capire chi era chi e da che parte stesse, oppure chi combatteva contro chi. Non ci sono linee del fronte e si spara ovunque.

Con gran parte degli scontri concentrati nelle aree urbane, i civili hanno cercato rifugio a Port Sudan, il principale porto del Paese sul Mar Rosso. Alcuni sperano di essere evacuati via nave a Jeddah, in Arabia Saudita. Altri sono fuggiti oltre i confini terrestri verso città come Al Kassala, al confine con l’Eritrea, e Wadi Haifa, al confine con l’Egitto. Ma per molti, raggiungere un posto sicuro si sta rivelando difficile ed economicamente insostenibile.

Ahmed, un suo amico siriano di Khartoum e altri due sono riusciti a convincere un tassista a portarli fino a Port Sudan poco dopo l’inizio dei combattimenti. Ahmed ha dichiarato:

Era impossibile trovare i biglietti dell’autobus, quindi pagare un taxi era la nostra unica opzione. Il viaggio di 850 km costa 400 dollari ciascuno. Ci sono volute 20 ore per arrivarci, perché ci sono oltre 30 posti di blocco lungo il tragitto e noi siamo stati fermati a ciascuno di essi.

Prima dello scoppio del conflitto, il prezzo di un biglietto dell’autobus da Khartoum a Port Sudan era di 15.000 sterline sudanesi, l’equivalente di 25 dollari. Questo è aumentato di dieci volte dopo che sono stati sparati i primi colpi. Come riferisce Ahmed:

Oggi il costo di un biglietto per Port Sudan si aggira attorno ai 250 dollari, se sei fortunato nel trovare un autobus con i biglietti disponibili.

Gli enormi aumenti dei prezzi dei trasporti sono in gran parte dovuti alla mancanza di carburante disponibile. Gasolio e benzina non possono più essere acquistati legalmente, dal momento che tutte le stazioni di servizio a Khartoum sono state chiuse ai civili quando è scoppiato il conflitto. Il carburante è disponibile solo sul mercato nero a cinque volte il prezzo normale.

I problemi, tuttavia, non sono solo questi. In tutto il Sudan, i civili affrontano anche gravi carenze di acqua, cibo e alloggi. Come ha affermato Ahmed:

Il prezzo per i beni di prima necessità come pane e acqua è così alto che la maggior parte delle persone non può permetterseli.

Anche a Port Sudan, la mancanza di aiuti umanitari è testimoniata dal fatto che molte persone che vi si rifugiano sono senzatetto. Ha poi continuato:

Ho speso oltre 1.000 dollari nel mese in cui mi trovano a Port Sudan, e vivevo per strada.

L’evacuazione dei siriani nella morsa delle tangenti e dell’illegalità

Yahyia, 38 anni, si è trasferito da Damasco a Khartoum nel 2016 per lavorare in una fabbrica di plastica. Guadagnava 800 dollari al mese e ne inviava la metà alla sua famiglia in Siria. Quando sono scoppiati i combattimenti a Khartoum, ha pagato 350 dollari all’autista di un minibus per un passaggio fino a Port Sudan. Yahyia ha detto:

È dura vedere come altri stranieri vengano evacuati facilmente mentre i siriani rimangono in attesa di un miracolo.

Molti Governi stranieri hanno utilizzato Port Sudan come punto di evacuazione per i propri cittadini. Yahyia ha detto che i suoi colleghi del Pakistan e della Turchia sono partiti quasi immediatamente. All’inizio di maggio, la Siria ha dichiarato che avrebbe fatto lo stesso utilizzando la compagnia aerea privata siriana, Cham Wings. Il programma prevedeva da quattro a cinque voli di rimpatrio a settimana da Port Sudan a Damasco, gratuiti per i passeggeri.

Secondo Ahmed, Yahyia e altri intervistati a Port Sudan, la realtà è stata ben diversa. Nonostante gli fosse stato promesso il trasporto gratuito, Ahmed ha detto che la sua famiglia è stata in grado di assicurarsi il biglietto solo dopo aver pagato 1.590 dollari. Prima si sono recati all’ufficio principale di Cham Wings a Damasco per prenotare un volo al prezzo di 590 dollari e poi è stato chiesto loro di pagare una tangente di 1000 dollari per inserire i nominativi nell’elenco dei passeggeri effettivi.

Durante la prima settimana del conflitto, Yahiya ha detto di aver cercato di raggiungere l’ambasciata siriana per chiedere informazioni sui voli di rimpatrio. Ha riferito:

Ho provato a chiamarli ogni giorno dopo aver sentito che il nostro Governo avrebbe aiutato a evacuare i siriani. Nessuno ha risposto alle mie chiamate.

Come Ahmed, Yahyia ha affermato di essere riuscito a lasciare Port Sudan solo dopo che i membri della sua famiglia avevano acquistato un biglietto e pagato tangenti in Siria.

Ahmed ha detto:

Cham Wings e il regime stanno approfittando della situazione e stabiliscono prezzi discrezionali per i biglietti aerei in base alle persone che li acquistano. Le tangenti vanno da 500 a 1000 dollari e se non le paghi, potresti comprare il biglietto ma non salire mai a bordo dell’aereo.

Non è la prima volta che Cham Wings viene accusata di pratiche illegali o di sfruttamento. Nel 2021, la società è stata sanzionata dall’UE in seguito alle accuse di aver facilitato l’ingresso illegale di siriani in Bielorussia. Tali sanzioni sono state ora revocate, ma nel 2023 la compagnia aerea è stata nuovamente accusata di lavorare con i trafficanti di esseri umani, questa volta trasportando migranti del Bangladesh dalla Siria alla Libia in modo che potessero tentare la pericolosa traversata in barca verso l’Europa.

Quando nemmeno a casa si è al sicuro

Ahmed è arrivato a Damasco su un volo con oltre 190 altri siriani. Durante i controlli, ha raccontato che la polizia aeroportuale ha fermato più di 10 uomini ricercati dal regime per aver saltato il servizio militare obbligatorio, i quali hanno avuto 15 giorni per presentarsi per la leva nei loro governatorati locali.

Ahmed ha detto:

Molti siriani ancora bloccati a Port Sudan hanno paura di riprendere un aereo, anche se possono permettersi di pagare le tangenti… E anche se il regime non li considera oppositori politici. Questo è dovuto al servizio militare obbligatorio.

Oltre ai rischi più evidenti, il servizio militare in Siria può anche essere a tempo indeterminato. Come riferisce Ahmed:

Alcune persone vengono arruolate per più di otto anni e altre per meno, ma non è chiaro quanto possa durare il servizio militare.

Ha anche descritto la coscrizione come una sorta di  lavoro forzato, poiché coloro che prestano servizio ricevono uno stipendio mensile di 100.000 sterline siriane, pari a circa 11 dollari.

Ha poi continuato:

Io sono fortunato. Ero già stato congedato dal servizio militare in Siria, e non facevo parte di gruppi di opposizione né ero ricercato dal regime.

Da quando è tornato in Siria, Ahmed ha cercato un lavoro, ma senza successo. Inoltre è in debito con i suoi familiari per il costo del biglietto che lo ha portato fuori dal Sudan. Pertanto ha affermato:

Sto pensando di trasferirmi in Turchia. Restare in Siria e trovare un lavoro dignitoso qui non è un’opzione.

Si preoccupa per molti dei suoi amici e colleghi che sono ancora bloccati in Sudan. Ma sa che molti non possono tornare in Siria per paura di essere incarcerati o arruolati nell’esercito. Nel loro caso, utilizzare le pericolose rotte di contrabbando fuori dal Sudan per raggiungere un Paese terzo potrebbe essere l’alternativa più praticabile.

Secondo fonti intervistate a Port Sudan che hanno preferito mantenere l’anonimato, i trafficanti stanno già predisponendo le rotte per raggiungere l’Egitto via mare da Port Sudan, e via terra da Wadi Halfa. I costi attualmente variano tra i 1000 e i 2000 dollari a persona; la via marittina è quella più costosa. Non mancheranno i clienti, molti aspettano solo notizie sui primi arrivi sicuri attraverso le nuove rotte. Per i siriani bloccati tra il conflitto in Sudan e quello in patria, un viaggio pericoloso potrebbe essere l’unica via d’uscita.

[Voci Globali non è responsabile delle opinioni contenute negli articoli tradotti]

Luciana Buttini

Laureata in Scienze della Mediazione Linguistica e Specializzata in Lingue per la cooperazione e la collaborazione internazionale, lavora come traduttrice freelance dal francese e dall'inglese in vari ambiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *