23 Maggio 2024

Uganda: rifugiati, cominciano a scarseggiare cibo e aiuti umanitari

[Traduzione a cura di Luciana Buttini dell’articolo originale di Sophie Neiman e ​Christine Onzia Wani pubblicato su The New Humanitarian]

Uganda, campo profughi di Bidi Bidi. Immagine ripresa da Flickr in licenza CC
Uganda, una bambina del campo profughi di Bidi Bidi. Immagine ripresa da Flickr in licenza CC

L’Uganda ospita più rifugiati di qualsiasi altra nazione dell’Africa, con quasi 1,5 milioni di profughi che arrivano da Paesi in guerra tra cui la Repubblica Democratica del Congo (RDC), il Sudan del Sud e la Somalia.

Sebbene l’accoglienza dei rifugiati nel Paese sia stata colpita in passata da scandali in materia di corruzione, è stata anche ampiamente apprezzata dalla comunità internazionale per aver promosso l’autosufficienza, la libertà di movimento e un forte sentimento di integrazione tra i profughi e le comunità ospitanti.

Eppure questi sforzi vengono minacciati da una carenza di finanziamenti che ha costretto le agenzie umanitarie a ridurre ancora una volta i servizi e i pacchi alimentari nei campi per rifugiati, alcuni dei quali manifestavano già alti livelli di malnutrizione acuta.

Mary Martin Poni, rifugiata e insegnante sud sudanese che vive con la sua famiglia nel campo profughi di Bidi Bidi, uno dei più grandi al mondo che si trova nel Nord dell’Uganda, ha dichiarato: “Se continuano a ridurre gli aiuti, continuano a traumatizzare le persone”. Ha poi aggiunto:

Quando mangi e hai un posto dove dormire, quelle sensazioni… iniziano a scomparire. Ma quando soffri, i sentimenti e i pensieri ritornano. Penserai a quello che è successo durante il lungo viaggio dal Sud Sudan.

Restare o tornare a casa: le prospettive dei rifugiati

I funzionari umanitari hanno attribuito gli ultimi tagli a una competizione per le risorse. Hanno accennato all’emergenza della siccità nel Corno d’Africa e alla guerra in Ucraina, che ha portato i donatori internazionali a riassegnare i budget per gli aiuti.

Tuttavia, le risorse sono state ulteriormente sfruttate nel 2022 dall’arrivo inaspettato in Uganda di 130.000 rifugiati da Paesi vicini, tra cui Sudan del Sud e RDC Congo, luogo in cui la violenza si sta intensificando a causa di una rivolta da parte del gruppo armato M23.

Marcus Prior, vicedirettore nazionale del World Food Program (WFP) in Uganda ha affermato:

Una delle vere sfide di quest’anno è l’aumento molto significativo del numero di persone da assistere, una cifra al di là di quelle pianificate.

Aumento della carestia

L’ultima tornata di tagli che ha colpito i rifugiati si è registrata a ottobre e fa seguito a precedenti riduzioni avvenute negli anni 2020 e 2021. Alla fine dello scorso anno, le famiglie dei rifugiati ricevevano già solo il 40%-70% delle razioni standard, in base ai loro relativi livelli di vulnerabilità.

L’assistenza nei campi è divisa tra assistenza in denaro e aiuti alimentari diretti, e il recente taglio mostra che tutti i rifugiati che ricevono aiuti alimentari ora hanno meno del 40% di quelle che il WFP chiama razioni di sopravvivenza di base, che includono mais, fagioli, olio fortificato e sale.

Prior, in un’intervista a The New Humanitarian ha detto di essere “fiducioso” del fatto che il WFP non avrebbe dovuto fare ulteriori riduzioni. Ha inoltre aggiunto che l’agenzia è attualmente in trattative con i donatori e spera che ci sia un aumento delle razioni a partire da quest’anno.

Prima delle recenti riduzioni, i rifugiati stavano tuttavia fronteggiando carenze nel consumo di cibo. La mancanza dei servizi di base, dell’occupazione e delle opportunità di sostentamento, aggravati dalla pandemia da Covid-19, ha inoltre spinto molti a tornare a casa.

Quasi 350.000 sud sudanesi, che costituiscono la maggioranza dei rifugiati in Uganda, hanno lasciato il Paese negli ultimi quattro anni. Questo numero è aumentato dal 2020, anche se il conflitto ha raggiunto il picco e gli operatori umanitari hanno sottolineato i rischi che devono affrontare i rimpatriati.

I sud sudanesi a Bidi Bidi affermano che gli ultimi tagli hanno già limitato il numero di pasti che si possono consumare in un giorno. Margaret Mauridiyo, una venticinquenne che vive nel campo, ha detto: “La vita non è stata facile, e ora è anche peggio“.

La politica dell’Uganda in materia di rifugiati prevede che ai nuovi arrivati vengano assegnati appezzamenti di terreno e che siano incoraggiati a integrare le distribuzioni di cibo attraverso l’agricoltura o altri lavori. Ma gli analisti umanitari hanno affermato che è difficile colmare il vuoto creato dai tagli agli aiuti.

Yotam Gidron, un ricercatore di Kampala del programma Refugee Economies dell’Università di Oxford ha affermato:

L’accesso alla terra coltivabile e ad altre opportunità di sostentamento rimane estremamente limitato.

Celina Kidden, una residente di Bidi Bidi di 36 anni, ha detto che lavoretti come raccogliere legna da ardere e tagliare e vendere guaine d’erba possono essere una piccola fonte di guadagno per i rifugiati. Ma, secondo lei, lavori occasionali simili sono difficili da trovare.

Nakinde ha raccontato che attualmente riesce a sfamare i suoi sei figli solo due volte al giorno perché le razioni di cibo si esauriscono dopo due o tre settimane. Per lei è diventato difficile persino procurarsi i vestiti per i bambini.

Aumenti di prezzo

Prior ha spiegato che i profughi che ricevono l’assistenza in denaro del WFP, che rappresenta il 58% delle distribuzioni dell’agenzia nell’ambito della risposta alla crisi dei rifugiati, non hanno subìto tagli a causa dell’aumento globale dei prezzi dei prodotti alimentari.

Nonostante ciò, il funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che l’attuale livello di assistenza in denaro è ancora insufficiente. Ha infatti detto:

Sappiamo che semplicemente non copre quello che copriva prima e per questo stiamo cercando modi per incrementare i sussidi in denaro per riconoscere quella realtà.

Idro Erikole Festo, un rifugiato di 33 anni, ha riferito che le persone che ricevono denaro a Bidi Bidi ne hanno “risentito molto”. Secondo Festo, alcuni vanno a raccogliere patate dolci non mature poiché i soldi che percepiscono non sono sufficienti.

L’aumento dei livelli di carestia ha anche un impatto sull’istruzione. Per Isaac Anguba, assistente capo della Rockland Primary School di Bidi Bidi, la mancanza di cibo rende più difficile per i bambini frequentare la scuola e concentrarsi durante le lezioni.

Anguba ha affermato che quest’anno circa 440 studenti hanno abbandonato la sua scuola e coloro che la frequentano si presentano per lo più al momento degli esami o se ne vanno prima della fine della giornata per cercare cibo.

Nonostante la persistente minaccia di conflitto in molte parti del Sud Sudan, i residenti di Bidi Bidi nel corso delle interviste a The New Humanitarian hanno affermato che ora stanno prendendo sempre più in considerazione l’idea di tornare a casa.

Festo, padre di cinque figli che è arrivato nel campo a metà del 2016, quando la guerra civile si era riaccesa nel Sudan del Sud, ha dichiarato:

La gente è arrivata a dire che è meglio morire in guerra, che morire di fame.

Festo ha detto che 15 dei suoi vicini sono partiti a piedi per il Sudan del Sud solo il mese scorso. Sua moglie, che è ancora nel campo, ha riferito che anche lui è partito per tornare a casa all’inizio di questa settimana, portando con sé attrezzi da giardinaggio e alcune capre e galline.

Tagli in tutti i settori

Il WFP non è l’unica organizzazione a fare tagli. Il mese scorso, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’UNHCR, ha dichiarato di non essere in grado di fornire abbastanza sapone ai rifugiati o di attrezzare adeguatamente i centri sanitari, anche nel mezzo di un’epidemia di Ebola in corso che è costata la vita a 56 persone.

Come ha affermato Frank Walusimbi, un addetto alle comunicazioni dell’UNHCR, lo scorso luglio, l’agenzia ha anche concluso un programma che fornisce kit per la salute mestruale a donne e ragazze nei campi di tutta l’Uganda.

Walusimbi ha dichiarato che la capacità operativa dell’UNHCR in Uganda dovrebbe ridursi del 45% l’anno prossimo, con un impatto su decine di partner. Ha poi aggiunto:

La situazione si tradurrà in una riduzione dei servizi sanitari, dell’acqua, dei servizi igienico-sanitari e dell’igiene (WASH) e dell’istruzione.

Elijah Okeyo, direttore dell’International Rescue Committee (IRC) in Uganda, ha affermato che la riduzione del budget dell’UNHCR influenzerà i programmi della sua Organizzazione, comprese le attività sanitarie che si rivolgono a mezzo milione di rifugiati.

Okeyo ha affermato:

Al momento stiamo affrontando la situazione relativa al prossimo anno, in cui dovremo ridimensionare in modo significativo l’équipe dei nostri medici, degli infermieri e degli specialisti, in quanto non siamo in grado di ottenere le risorse necessarie.

Prior del WFP ha affermato che le organizzazioni umanitarie devono garantire che la risposta ai rifugiati dell’Uganda non venga dimenticata e che la politica delle porte aperte, che è così importante per così tante persone, rimanga praticabile”.

Eppure, per i residenti di Bidi Bidi come Rose Mary Kute, 53 anni, potrebbe essere già troppo tardi. Secondo lei le agenzie umanitarie erano solite fornire un sostegno sufficiente ai rifugiati, ma ora la situazione è “davvero cambiata”.

Come altri nel campo, Kute ha detto in una nostra intervista che sta pensando di lasciare l’Uganda, aggiungendo:

So che non sarò perfettamente al sicuro tornando a casa in Sud Sudan, ma le condizioni di vita qui potrebbero costringerci a andare via.

Luciana Buttini

Laureata in Scienze della Mediazione Linguistica e Specializzata in Lingue per la cooperazione e la collaborazione internazionale, lavora come traduttrice freelance dal francese e dall'inglese in vari ambiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *