Gambia, tensioni sugli investimenti e l’inquinamento cinesi

[Traduzione a cura di Elena Intra dall’articolo originale di Holly Eva Ryan pubblicato su The Conversation]

Gunjur Beach dovrebbe essere una perla sulla corona del Gambia, un piccolo frammento di un Paese nell’Africa occidentale. Lunghe distese di sabbia argentata sono rivestite con palme da cocco, mentre molte generazioni di pescatori del vicino Senegal hanno utilizzato questa spiaggia come punto di approdo per le loro barche di legno colorate e sapientemente lavorate. Inoltre, negli ultimi 30 anni diversi bar e iniziative di eco-turismo si sono trasferiti nell’area, al servizio dei cosiddetti “volontourists” e dei “bird watchers

Sono appena tornata da Gunjur, dove stavo facendo ricerche sul suo legame storico con la città di Marlborough nel Regno Unito. Durante la mia visita, ho incontrato vari membri della comunità per esplorare le particolari sfide di sviluppo affrontate oggi.

Ho sentito che, negli ultimi anni, il lungomare di Gunjur è stato al centro di una disputa ambientale e sociale molto tesa, che amplifica le preoccupazioni più ampie sulla natura degli investimenti cinesi in Gambia.

La disputa riguarda un’azienda che produce farina di pesce, un prodotto ottenuto dall’essiccamento e dalla macinazione di pesce o scarti di pesce. Di solito viene venduto come polvere prima di essere aggiunto ad altri alimenti e viene somministrato a pollame, maiali o pesce d’allevamento.

Nel 2016, un produttore di farina di pesce di proprietà cinese, la Golden Lead, ha aperto una sede e ha iniziato le operazioni a Gunjur Beach. La fabbrica è fiancheggiata dall’oceano da un lato e dall’altro dalla Bolong Fenyo – una laguna con molti uccelli che è stata la prima riserva naturale della comunità del Gambia.

Il Senegal e il Gambia sono rinomati per la loro ricca fauna di specie volatili. Agami Photo Agency/Shutterstock

Il contratto operativo della Golden Lead è stato firmato dal precedente Governo di Yahya Jammeh, un autocrate che è stato molto criticato e a suo carico sono state molte le denunce di corruzione e violazioni dei diritti umani. Alcuni residenti locali erano preoccupati per l’impatto ambientale, tuttavia, la fabbrica è stata inizialmente accolta favorevolmente. Gli abitanti del posto ritenevano che la Golden Lead promettesse infrastrutture migliori, maggiore occupazione e formazione per i gambiani. Con salari relativamente alti, circa 80 persone vi hanno iniziato a lavorare.

Tuttavia le tensioni sono presto emerse riguardo l’uso della fabbrica di bonga pescato dall’oceano, un pesce che i Gunjuriani hanno a lungo invocato come una fonte di proteine economica ed abbondante. La crescente pressione sulle forniture ha già spinto verso l’alto i prezzi del bonga.

Bonga e altri pesci vengono preparati per il trasporto nell’affumicatoio vicino alla spiaggia. Immagine fornita dall’autrice dell’articolo

I residenti locali sostengono che da quando la fabbrica è arrivata a Gunjur, miriadi di pesci e mammiferi morti – tra cui balene, tartarughe, delfini, anguille e razze – si sono riversati sulla spiaggia. Le cose hanno cominciato ad inasprirsi quando, nel 2017, la Bolong Fenyo ha improvvisamente cambiato colore e il pesce e gli uccelli nella riserva protetta hanno iniziato a morire. Lo scienziato biomedico Ahmed Manjang ha testato l’acqua locale e ha scoperto che era insolitamente alta nel valore dei fosfati.

Gli ambientalisti locali hanno accusato un tubo di scarico che scorre dall’edificio dell’azienda verso l’oceano (le fabbriche di farina di pesce tendono a produrre molta acqua di scarico). Tuttavia, la Golden Lead aveva in precedenza negato di scaricare i prodotti delle acque reflue.

L’Agenzia nazionale per l’ambiente della Gambia (NEA) è stata coinvolta e ha ordinato alla Golden Lead di trattare le sue acque reflue e di rimuovere il tubo. Tuttavia, dopo mesi di inattività, i residenti locali e gli attivisti ambientali hanno dato a Golden Lead un ultimatum: spostare la conduttura entro sette giorni o lo avrebbero fatto loro. E così, il 22 marzo 2018, è esattamente quello che hanno fatto. Circa 150 giovani Gunjurians si sono riuniti sulla spiaggia, dove sono stati accolti da un ampio spiegamento di poliziotti. Un gruppo di attivisti armati di pale ha scavato fisicamente e rimosso la conduttura.

Nonostante le precedenti richieste della NEA, alla Golden Lead è stato presto permesso di reinstallare un tubo di scarico. L’agenzia di stampa locale, la Gunjur News Online, ha dichiarato che la mossa era motivata politicamente, con le loro fonti che suggeriscono che il Governo sia intervenuto perché preoccupato che potenziali investitori potessero scoraggiarsi. Il profitto straniero è molto ricercato dal Governo del Paese, che deve fare i conti con un ampio deficit delle partite correnti e debito pubblico.

La tubatura dell’azienda lungo la spiaggia,  giugno 2019. Immagine fornita dall’autrice dell’articolo

Alla fine di maggio 2018, è stata installata una nuova conduttura accompagnata da una certa teatralità. La Golden Lead questa volta ha scelto un punto centrale sulla spiaggia di Gunjur per deporre la tubatura di scarico e i membri del personale hanno alzato una bandiera cinese durante il processo. Questo atto è stato percepito come una provocazione da parte dei membri di una comunità il cui intero villaggio fu distrutto durante le prese di terra coloniali alla fine del XVIII secolo. Come mi ha detto un attivista:

Quando hanno piantato una bandiera sulla nostra spiaggia in quel modo, lo abbiamo davvero visto come un insulto. Anche se non siamo contrari agli investimenti nell’area, chiediamo che queste cose siano intraprese in modo responsabile e che non causino danni alle persone e all’ambiente.

Gli attivisti locali continuano a sostenere che l’impianto è responsabile dell’inquinamento e della pesca eccessiva, ma il Governo afferma di essere soddisfatto che Golden Lead abbia ripulito. A marzo 2019, in un’intervista al Guardian, la Golden Lead ha negato di aver superato i venditori locali di pesce e ha affermato di avere un approccio di tolleranza zero all’inquinamento. Come riportato anche nel documento, Jojo Huang, direttore della fabbrica di farina di pesce, ha anche affermato in precedenza che l’azienda non era “in alcun modo responsabile dello scarico di pesce nella zona locale” e che “non pompava prodotti chimici nel mare e ha seguito la guida dell’Agenzia nazionale per l’ambiente sulla gestione dei rifiuti“.

Tuttavia, i membri della comunità hanno ora presentato casi giudiziari in cerca di risarcimento per il degrado ambientale, quindi la storia continua.

Gunjur è il sito di uno dei tre stabilimenti di farina di pesce di proprietà cinese che hanno recentemente avviato operazioni in Gambia. Il Guardian riferisce che gli altri stabilimenti di Kartong e Sanyang hanno entrambi subito chiusure temporanee a causa di denunce e proteste legate ai metodi di smaltimento dei rifiuti.

Insieme al sito di Gunjur, queste tre fabbriche danno un’idea delle tensioni tra la necessità di sviluppare economicamente e attrarre gli investimenti esteri e le questioni ambientali e socio-economiche locali. Per chi come me che fa ricerca sulle politiche di resistenza nel Sud globale, ciò che è particolarmente incoraggiante per gli eventi in Gambia è che questo attivismo locale rappresenta una rinascita della società civile che segue la fine del regime di Jammeh.

Elena Intra

Laureata in Lingue e successivamente in Giurisprudenza, lavora come traduttrice freelance da dieci anni. Appassionata in particolare di diritti delle donne e tematiche ambientali, spera attraverso il suo lavoro di aiutare a diffondere conoscenza su questi argomenti.

Elena Intra

2 pensieri riguardo “Gambia, tensioni sugli investimenti e l’inquinamento cinesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *