Messico, donne e poesia per proteggere le lingue indigene

[Traduzione a cura di Anna Corsanello dall’articolo originale di Bérengère Sim pubblicato su Opendemocracy]

Quando scompare una lingua, scompare una cultura, Ana Chino Miguel (ALIANZA)

Il ministero della Cultura del Messico riconosce 68 lingue indigene anche se, secondo alcuni esperti, nel Paese nordamericano se ne parlano più di cento.

Oggi, decine di queste lingue sono a rischio di estinzione, mentre iniziative su più fronti vengono intraprese per arrestare questo fenomeno. Uno dei fronti è quello letterario e le donne indigene sono tra coloro che preservano la propria lingua grazie alla poesia e alla narrazione.

Celerina Patricia Sánchez Santiago fa parte della rete dell’Alleanza per le Donne Indigene dell’America centrale e del Messico (ALIANZA) che punta a rafforzare le voci delle donne indigene e la loro partecipazione ai movimenti femministi.

Preservare le lingue indigene è “importante per capire chi siamo, per poi capire il mondo ed esserne parte” dice Sánchez, linguista e attivista per i diritti degli indigeni, proveniente da San Juan Mixtepec, in Oaxaca.

Sánchez parla e scrive poesie in tu’un ñuu savi, la lingua dei Ñuu savi (“il popolo della pioggia”), su argomenti quali la cultura della sua comunità, le vite delle donne, la discriminazione, la resistenza e la composizione multiculturale della società messicana.

Nel 2013 ha pubblicato “Inií ichí” (“L’essenza del cammino“), una raccolta di poesie in tu’un ñuu savi e spagnolo.

Quando scompare una lingua, scompare una cultura intera,” aggiunge Ana Chino Miguel, anche lei proveniente da Oaxaca. Miguel ha scritto un libro per bambini e altro materiale didattico in zapoteco, la lingua indigena che parla.

È questo il nostro compito, per chi come noi è consapevole del valore di tutte le lingue nel mondo” ha detto Miguel a Città del Messico, dove vive. “Anche la nostra è una lingua, ma molte persone la discriminano e la considerano un dialetto.

Nel corso degli anni, mi ha raccontato come le usanze degli anziani siano state dimenticate. Ha detto che non solo desidera insegnare ai membri delle generazioni più giovani come leggere nella propria lingua ma anche introdurli a queste tradizioni.

Aumentando la consapevolezza tra i bambini e i giovani, la cultura assumerà un valore, insieme alla sua arte e a tutto ciò che costituisce una cultura.”

Più di 7 milioni di persone in Messico (approssimativamente sette abitanti su 100 nel Paese) parlano almeno una o più di queste lingue.

Secondo le autorità del Governo, il Messico è uno dei Paesi nel mondo con il maggior numero di lingue indigene e secondo in America latina dopo il Brasile.

Nel 2014, secondo il Centre of Research and Higher Studies in Social Anthropology, fino a 60 di queste lingue in Messico sono state considerate a rischio di estinzione, 21 delle quali classificate come “criticamente a rischio.”

In questo mondo, persino la scienza ha confermato che la diversità arricchisce le nostre vite,” afferma Sánchez: “Perciò combattiamo per essere più vari, per essere differenti.”

Anna Corsanello

Anna Corsanello

Traduttrice dall’inglese e dal russo per professione e per passione. Ama il suo lavoro perché le permette di imparare sempre qualcosa di nuovo e di mettere a disposizione degli altri questa conoscenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *