Senza nome e dimenticati, la sorte dei migranti annegati

[Traduzione a cura di Elena Intra dall’articolo originale di Ottavia Ampuero Villagran pubblicato su Open Democracy]

Vi siete mai fermati a considerare cosa succede ai corpi dei migranti privi di documenti quando muoiono in mare cercando di raggiungere le coste dell’Europa? Chi sono, chi piange la loro perdita, dove e come sono sepolti?

I corpi senza nome e incompianti dei migranti privi di documenti sono ormai una triste realtà per le città costiere del Mediterraneo, il triangolo che collega Tripoli, Zouara e Lampedusa è infatti stato soprannominato la zona nera dalla gente del posto a causa degli innumerevoli cadaveri galleggianti tutt’intorno. Tuttavia, quegli stessi corpi sono vistosamente assenti dalla più ampia narrativa sulla migrazione e dalla retorica di molti attori influenti coinvolti nella politica, nel mondo accademico e nei media. Questo punto cieco è inquietante. I responsabili politici devono urgentemente affrontare la questione dell’identificazione dei corpi dei migranti privi di documenti dal punto di vista dei diritti umani e devono risolvere le carenze degli attuali sforzi di gestione e identificazione attuati nei Paesi europei.

Il “Progetto Missing Migrants” dell’Organizzazione internazionale per le Migrazioni stima che dal 2014 ci siano stati 16.003 morti e scomparse di migranti nel Mediterraneo. Come per le stime sui migranti, vivi, senza documenti, il numero reale è probabilmente molto più alto a causa delle difficoltà nel rintracciare coloro che non vogliono essere rintracciati e nel contare i corpi che sono affondati sotto la superficie delle onde. La maggior parte di questi corpi probabilmente non sarà mai trovata.

Anche coloro che vengono recuperati probabilmente non saranno identificati. Ciò è in parte dovuto alle intrinseche difficoltà di identificazione in questo contesto: non ci sono informazioni immediatamente disponibili sulla nazionalità, sulla rotta o sulle relazioni familiari del migrante; eventuali oggetti personali o documenti di identificazione possono essere rovinati o resi illeggibili dall’acqua e i corpi che sono annegati vengono di solito ritrovati mentre riemergono dal fondo del mare in fase di decomposizione, rendendo a quel punto difficile un eventuale riconoscimento.

L’identificazione è inoltre ostacolata dalla mancanza di disposizioni giuridiche nazionali mirate ad affrontare i decessi dei migranti – e le questioni che ne derivano riguardo finanziamenti, mandati sovrapposti e politiche incoerenti – il che significa che attualmente non esiste una raccolta o archiviazione sistematica di informazioni che potrebbe essere utile per futuri sforzi.

Identificare questi corpi comporta quindi molte sfide, ma non è certamente impossibile, come è stato dimostrato dal successo delle attività di identificazione delle autorità italiane a seguito di tre naufragi al largo di Lampedusa. Nel caso di uno di questi naufragi, il Commissario straordinario per le persone scomparse e il suo team hanno ottenuto un impressionante tasso di identificazione del 58,5% seguendo rigorosamente le pratiche più idonee al trattamento dei deceduti, impegnandosi in un processo multilaterale che combinava una serie di approcci scientifici e sfruttando la società diplomatica e civile per contattare le famiglie delle vittime per informazioni ante mortem.

In un altro caso, gli scienziati forensi e gli antropologi sono riusciti ad identificare i corpi che erano rimasti per un anno immersi all’interno di una nave, dimostrando così che con la tecnologia del DNA l’identificazione è possibile anche nelle fasi di decadimento avanzato o di scheletrizzazione della decomposizione. “Con un po’ di soldi, molta buona volontà e duro lavoro“, ha detto Vittorio Piscitelli, a capo del Commissario straordinario del governo, “si può assolutamente fare“. Il passo logico successivo è quello di fornire questo servizio al maggior numero possibile di migranti morti, non solo a quelli su relitti che ricevono maggiore attenzione politica e mediatica.

Gli Stati europei hanno la burocrazia specializzata e le capacità tecnologiche necessarie per migliorare i loro tentativi nell’identificare i corpi dei migranti. Hanno anche i soldi, considerando che il bilancio dell’UE per la gestione delle frontiere esterne, della migrazione e dell’asilo passerà da 13 miliardi di euro a 34,9 miliardi di euro nei prossimi anni.

Gli esperti raccomandano prima di tutto di creare una banca dati centralizzata per raccogliere le informazioni rilevanti (fotografie, genere, nazionalità, DNA, luoghi di sepoltura) e standardizzare le procedure per la gestione e l’identificazione del corpo. La fattibilità dell’identificazione rafforza ulteriormente l’idea che tentare in modo adeguato di identificare i corpi dei migranti sia un diritto umano da garantire per il bene degli individui, delle famiglie e degli Stati coinvolti.

Manifestazione a Bruxelles nel 2015 per la crisi dei rifigiati nel Mediterraneo, foto Flickr/Amnesty International

Diritti dopo la morte

Il diritto ad essere identificati dopo la morte è universalmente riconosciuto nel diritto nazionale e internazionale. A partire dalle Convenzioni di Ginevra del 1949, sono stati sviluppati una serie di quadri internazionali per trattare l’identificazione dopo la morte, tra cui l’Handbook of Vital Statistics Methods del 1956 dell’ONU, le Linee guida per la ricerca di persone scomparse della Croce Rossa e lIdentificazione delle vittime di disastri redatta dall’Interpol.

L’imperativo comune di questi quadri normativi è che identità e identificazione sono un diritto umano che si estende oltre la morte. Ma il riconoscimento da parte degli Stati di questo diritto umano sembra dipendere dalle circostanze. La morte di immigrati “regolari” (turisti, studenti, uomini d’affari) in incidenti e disastri incontra infatti risposte internazionali su vasta scala che includono attrezzature tecnologiche avanzate e squadre specializzate, mentre la morte di immigrati “irregolari” incontra ambiguità burocratiche e inerzia amministrativa.

Il contrasto è evidente e sottolinea le differenze di valore che le società attribuiscono alle vite umane. Un migrante privo di documenti è implicitamente considerato, come diceva Judith Butler, “una vita irrecuperabile, una che non può essere compianta perché … non ha mai contato come una vita“.

Sforzi più sistematici e concertati per l’identificazione dei migranti privi di documenti porteranno rimedio allo stato di invisibilità a cui molti sono stati sottoposti durante il loro viaggio, ripristinando il nome, la storia e l’umanità di cui erano stati precedentemente privati. La denominazione che deriva dagli sforzi di identificazione potrebbe anche respingere la normalizzazione della morte dei migranti privi di documenti e la narrativa di securizzazione che li circonda.

Il diritto al lutto

Gli sforzi di identificazione ripristinerebbero anche i legami dei migranti morti con le loro famiglie e comunità e assicurerebbero la possibilità di dare l’estremo saluto a coloro che gli erano vicini. Le famiglie devono vivere ogni giorno senza conoscere il destino dei loro cari scomparsi, e questo spesso porta a problemi psicologici o psicosociali, oltre a complicazioni economiche e amministrative relative ad accordi funebri, matrimoni, successioni, tutele e proprietà terriere.

Tenendo conto di questi numerosi oneri, sembra fondamentale includere le famiglie nella narrativa della morte dei migranti e del processo di identificazione di coloro che sono privi di documenti. Ciò faciliterebbe l’accesso alle informazioni pratiche e riconoscerebbe la componente emotiva inerente al trapasso di una persona cara. Migliorerebbe anche la visibilità delle famiglie, le quali raramente sono in grado di esercitare pressioni politiche per esigere responsabilità, giustizia e commemorazione.

L’impegno degli Stati in materia di diritti umani

Anche gli Stati coinvolti nella gestione di migranti privi di documenti possono trarre vantaggio dalla promozione di questi sforzi. L’attuale vuoto politico nel trattare i corpi dei migranti ha creato una dissonanza tra i valori dichiarati dagli Stati e le azioni che adottano per sostenerli. Questa dissonanza ha implicazioni sui diritti umani in quanto compromette costantemente i diritti  alla dignità umana, alla libertà e all’uguaglianza dei migranti deceduti.

Con gli Stati che scelgono di inquadrare le morti di migranti privi di documenti come incidenti piuttosto che come conseguenze dirette dell’intensificazione delle loro politiche di controllo dei confini, non c’è da meravigliarsi se alcuni critici siano arrivati ​​a definire il Mediterraneo il “cimitero dei valori europei”. Sviluppare e attuare politiche specializzate per l’identificazione dei migranti privi di documenti fornirebbe la tanto necessaria coerenza agli approcci degli Stati alla migrazione, oltre a facilitare l’inclusione sociale dimostrando ai migranti che stanno ospitando che le loro vite valgono come quelle dei loro stessi cittadini.

Fino ad ora, la questione dell’identificazione dei migranti privi di documenti si è persa nella vasta e complessa narrativa della migrazione. Ma è importante iniziare a considerare le implicazioni a livello di diritti umani quando si ignora questo argomento, nonché il valore intrinseco delle politiche di attuazione che facilitano l’identificazione.

Ci sono diritti umani nella vita e nella morte per tutti gli esseri umani, e la costante negazione dell’identità di questi migranti – del loro nome, della loro famiglia e della vita per cui hanno combattuto così tanto – attraverso sistemi di identificazione inadeguati dovrebbe essere considerata una violazione dei diritti umani. Per il bene degli individui, delle loro famiglie e per la credibilità del progetto europeo, si può, e si deve, fare di più.

Elena Intra

Elena Intra

Laureata in Lingue e successivamente in Giurisprudenza, lavora come traduttrice freelance da dieci anni. Appassionata in particolare di diritti delle donne e tematiche ambientali, spera attraverso il suo lavoro di aiutare a diffondere conoscenza su questi argomenti.

Un pensiero riguardo “Senza nome e dimenticati, la sorte dei migranti annegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *