Migranti, con Liberi Nantes l’inclusione è nello sport

liberinantes.org
Foto tratta dal sito liberinantes.org

Un laboratorio di inclusione sociale”. Così Alberto Urbinati, presidente di Liberi Nantes, sintetizza l’attività di un’Associazione nata nel 2007 come Associazione Sportiva Dilettantistica, riconosciuta dall’UNHCR per “garantire la libertà di accesso allo Sport a rifugiati e richiedenti asilo politico”, e oggi diventata un punto di riferimento importante per tanti ragazzi e ragazze arrivati in Italia da Paesi come Somalia, Afghanistan, Libia, Senegal.

L’inclusione sociale, per Liberi Nantes, passa attraverso attività e progetti molto concreti, costruiti nel tempo da volontari determinati a offrire a rifugiati e richiedenti asilo un’opportunità di evasione e socializzazione, di collaborazione e crescita condivisa basata sullo scambio reciproco di tempo e passioni, idee e voglia di costruire insieme. A partire dallo sport, ma non solo.

Le tante iniziative messe in campo dall’Associazione – dalla scuola di italiano al teatro fino alle escursioni per conoscere parchi e zone verdi intorno alla capitale – hanno aggregato in dieci anni di lavoro tante persone e culture diverse, dimostrando quanto una solidarietà che parte autenticamente dal basso, da un reale desiderio di accoglienza e integrazione, porti ad un arricchimento per tutti.

Perché, come ci racconta Alberto in una carrellata di video-interviste, lo sforzo dell’Associazione è quello di essere motore di relazioni dell’intero quartiere, quello di Pietralata – periferia est di Roma – con tutti i problemi che ogni periferia ha ma anche con tutte le opportunità di sperimentazione che questa apre e stimola.

Il campo del XXV Aprile – di cui Alberto racconta brevemente la storia – si offre gratuitamente, grazie all’impegno di Liberi Nantes, ai diversi rifugiati e richiedenti asilo dei diversi centri di accoglienza della capitale, che possono scegliere di allenarsi e divertirsi, trovando lì uno spazio “protetto” di svago e crescita.

L’ultimo progetto in ordine di tempo di Liberi Nantes è “S(Up)port Refugees Integration”, rivolto alle donne migranti e richiedenti asilo, sostenuto da fondi europei grazie alla vittoria di un bando a tema “Azioni di inclusione attraverso lo sport”. A loro, la possibilità di fare gratuitamente sport non agonistico: atletica leggera, ginnastica, touch rugby, escursionismo o calcio.

Lo spirito di Liberi Nantes è ben restituito dall’intervista a Toti, l’allenatore della squadra maschile, che ci svela l’approccio non solo tattico al campo, e le sfide dentro e fuori il perimetro di gioco.

Infine, la voce di due migranti entrati a far parte della vasta famiglia dell’Associazione: sogni, difficoltà, amicizie, impegno e tanti sorrisi.

Chiude il video una gita fuori porta con Liberi camiNantes: un’escursione – armati di zainetti e borracce – al Parco regionale di Veio, in provincia di Roma.

 

 

Elena Paparelli

Elena Paparelli

giornalista freelance, lavora attualmente in Rai. Ha pubblicato tra gli altri i libri “Technovintage-Storia romantica degli strumenti di comunicazione” e “Favole per (quasi) adulti dal mondo animale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *