Israele, la Terra Promessa che respinge i rifugiati africani

Si stringe il pugno di ferro del Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che ha emesso un’ordinanza per espellere da Israele rifugiati e richiedenti asilo provenienti da Eritrea e Sudan. Il Governo fornirà loro fino a 3.500 dollari ciascuno per lasciare il Paese entro aprile di quest’anno e tornare nella propria terra d’origine o in un Paese terzo, come Ruanda o Uganda. Questi due Paesi, indicati come possibile meta per le persone costrette a lasciare Israele, hanno recentemente negato ogni possibile accordo con Netanyahu sull’accoglienza dei profughi.

Questa gente, proveniente da Sudan ed Eritrea, si ritrova ora davanti a un bivio: la deportazione in Ruanda o l’incarcerazione“, scrive Tamar Manasseh, attivista afroamericana di religione ebraica, nel suo articolo denuncia sulla rivista indipendente “Forward“.

È lo stesso presidente israeliano ad ammettere una strategia aut aut: “Gli “infiltrati” – termine con cui Netanyahu indica coloro che si sono insediati in Israele  attraverso vie clandestine – devono fare una semplice scelta“, dichiarazioni emesse durante la riunione di gabinetto in cui questa politica è stata approvata, riportate sul Guardian. “O collaborano con noi e lasciano il Paese volontariamente, in maniera rispettabile, umana e conforme alla legge, o saremo costretti a usare tutti i mezzi a nostra disposizione, nei limiti della legge. Spero sceglieranno di venirci incontro”. Mezzi e misure che includono l’innalzamento di barriere tra Israele e confini africani e la massiccia deportazione di 40 mila persone.

Inoltre, la proposta di legge di chiudere il centro di detenzione di Holot, situato nel deserto del Negev e che dà rifugio a circa 1.200 migranti, diminuisce le già esigue possibilità di scelta degli ospiti. Provenienti principalmente dalle disagiate condizioni dell’Eritrea e del Sudan, questi profughi hanno attraversato il confine con l’Egitto e cercato riparo in Israele, in un’ondata migratoria che ha visto un consistente incremento nella seconda metà degli anni Duemila.

Fonte: Flickr / Credits: Randy Adams. Alcuni diritti riservati.

Secondo un report di giugno 2017 (in lingua ebraica) del Population Immigration and Border Authority (PIBA), un dipartimento del ministero degli Interni israeliano, ad aprile 2017 i richiedenti asilo africani in Israele – esclusi i bambini nati in territorio israeliano da rifugiati – erano più di 39mila. Tuttavia, secondo Amnesty International e Human Rights Watch gli immigrati di origine africana risiedono legalmente sul suolo israeliano.

UNHCR ha recentemente espresso la propria preoccupazione sulle deportazioni, ricordando i vincoli legali di Israele – peraltro membro della Convenzione di Ginevra del 1951 sui rifugiati –  ad accogliere e proteggere le persone in difficoltà sul territorio nazionale. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Eritrea è una nazione in profonda crisi umanitaria, così come il Sudandilaniato dalla guerra civile. Il Governo israeliano continua però a sostenere che la maggior parte degli africani in Israele non sarebbe costituita da rifugiati, bensì da migranti economici – “infiltrati” – in cerca di opportunità di lavoro. E dal 2009, si legge ancora nel comunicato stampa di UNHCR, soltanto 10 tra eritrei e sudanesi, hanno visto riconosciuto il proprio stato di rifugiati in Israele.

Una situazione complessa, secondo quanto dichiarato alla BBC da Emmanuel Nahshon, portavoce del ministero degli Esteri israeliano, per cui il problema è l’alta concentrazione di immigrati che “minaccia la sicurezza e l’identità dello Stato ebraico”. Secondo lui, non si tratterebbe delle 50 mila persone che già risiedono in Israele, ma di quelle altre che possono potenzialmente riversarsi in questo “ricco e prospero” Paese.

Una presa di posizione che ha agitato gli animi sui social e sulle piattaforme d’informazione indipendenti.

Il giornalista David A. Love scrive su “TheGrio.com” – giornale online dedicato a temi trascurati che riguardano gli afroamericani – che l’intervento di Netanyahu seguirebbe una precisa linea politica che va di pari passo con quella di Trump e con il suo “nazionalismo bianco”. Secondo questo piano, inoltre, Israele appoggia nazioni europee “razziste, antisemite e islamofobe che cercano un proprio rinnovo d’immagine” e “rendono così Israele un luogo ostile per i rifugiati africani“.

C’è anche, come il giornalista freelance David Sheen, chi si interroga sul “deludente silenzio” – citando l’articolo di Face2FaceAfrica – della African Union sulla questione, e sollecita un tempestivo intervento per coloro che sono vittima di questa deportazione.

Scrive la blogger Rachel Edidin, sotto lo pseudonimo di Jay Edidin, che “L’idea che una deportazione di massa dei richiedenti asilo ‘sia necessaria a proteggere gli ebrei e la democrazia’ è un affronto a tutti i principi cardine dell’ebraismo e della democrazia“.

Rebecca Pierce, giornalista e attivista afroamericana di fede ebraica, caporedattrice del blog Unruly – Jews of Color and Sephardi/Mizrahi Caucus, si rifà alla “pulizia etnica dei Palestinesi [da Israele] in modo tale da far spazio ad uno Stato a maggioranza ebraica”, con tensioni che iniziarono già nel 1948. Settant’anni dopo, “nel 2018 Israele sta pianificando di deportare 40mila africani secondo la logica di quello stesso Stato-etnico di ‘proteggere l’identità ebraica’”.

La storia si ripete anche nel tweet di Yotam Gidron, blogger e autore per vari media indipendenti africani, che rievoca l’aggressiva campagna di arresti e deportazioni, attuata nel 2012 da Israele nei confronti dei richiedenti asilo del Sudan. Secondo lui, vi è alla base una strategia ben precisa: “Israele sa bene che certi livelli di confusione e di tormento porteranno i rifugiati ad arrendersi e ad andarsene, a prescindere dalle condizioni e dalla destinazione“.

Si moltiplicano non soltanto le opinioni ma anche le azioni di chi vuole porre fine alle posizioni radicali del Governo israeliano. Il movimento RightNow: Advocates for African Asylum Seekers in Israel, ha iniziato nel 2012 una campagna per la protezione dei richiedenti asilo africani in Israele. Inoltre, venticinque leader delle comunità ebraiche del Nord America hanno indirizzato una lettera a Netanyahu, sollecitandolo a fermare le deportazioni. Pregano il Primo ministro israeliano di “rivedere il proprio piano di deportare decine di migliaia di eritrei e sudanesi” e si firmano come coloro che “un tempo sono stati richiedenti asilo, forestieri in terra straniera, e quindi con un obbligo morale nei confronti dei rifugiati “di qualsiasi etnia o religione“.

Publié par Right Now: Advocates for African Asylum Seekers in Israel sur dimanche 7 Janvier 2018

Le autorità israeliane, dal canto loro, sembrano però ferme sulle proprie decisioni: come espresso nella lettera di risposta ai leader ebraici, inviata il 19 dicembre 2017, il Governo continuerà a prevenire l’entrata illegale nel Paese dei migranti economici. Anche gli ultimi risvolti politici non lasciano molto spazio a un dialogo: Israele ha infatti pubblicato un elenco di 20 Organizzazioni che boicottano lo Stato Ebraico in seguito all’adesione al movimento BDS (“Boycott, disinvest, sanction“), e che non avranno quindi accesso al Paese.

Carolina Carta

Carolina Carta ha recentemente acquisito il Master in Giornalismo all’Università di Groningen (Olanda) e ha da poco concluso un tirocinio presso Voci Globali. Con le radici in Sardegna ma lo sguardo sul mondo, ha deciso di dare una svolta alla sua carriera accademica e professionale attraverso il tirocinio in Ghana. I suoi interessi spaziano dai diritti umani alla salute mentale; ha sempre un occhio di riguardo per le questioni di genere e i diritti delle donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *