ActionAid, l’impegno quotidiano per i diritti delle donne

Si è celebrata mercoledì 8 marzo la Giornata Internazionale delle Donne. Oltre a ricordare le conquiste già ottenute, l’impegno a cui ogni persona dovrebbe votarsi è quello di non dimenticare che ci sono milioni di donne nel mondo che vedono ogni giorno negati i propri diritti. Sono ancora troppe le vittime di discriminazione, violenza e disuguaglianza di genere.

ActionAid Italia, la Onlus il cui impegno per le donne è costante e universale, ha scelto proprio l’8 marzo per lanciare l’infografica “Vita di donna: la strada verso l’empowerment” dedicata a tutte coloro che combattono per ottenere una condizione di vita fondata su dignità e rispetto.

La negazione dei diritti delle donne è raccontata in modo chiaro e semplice in questa infografica che punta a condividere con tutti un messaggio di speranza: il cambiamento è ancora possibile.

Mutilazioni genitali femminilimatrimoni precoci e negazione del diritto allo studio sono tutt’oggi attuali e spesso non ci ricordiamo che sono a noi molto vicini. Ecco qualche numero, così come riportato nella locandina di ActionAid:

  • 200 milioni di donne in 30 stati asiatici e africani hanno subito le MGF;
  • 22 milioni di ragazze nel mondo sono state costrette a sposare uomini più grandi;
  • 496 milioni di donne nel mondo non sanno né leggere né scrivere.

Impossibile voltare lo sguardo altrove e accettare in silenzio tutto questo. ActionAid partecipa e sostiene la marcia delle donne in tutto il mondo, organizzata in Italia dal gruppo Non una di meno e lavora ogni giorno al fianco di istituzioni, comunità locali e volontari per salvaguardare e riabilitare il ruolo della donna nella società.

Ecco come:

  • lotta a qualsiasi forma di violenza, sostenendo le vittime di maltrattamenti e discriminazioni, organizzando gruppi d’informazione e discussione per far capire quanto siano pericolose pratiche come le mutilazioni genitali femminili e incoraggiando le donne a denunciare.
  • promozione del diritto allo studio, mediante l’organizzazione di corsi di formazione professionali per gli insegnanti, campagne di sensibilizzazione per bambini e genitori sull’importanza dell’istruzione e fornendo materiale scolastico e uniformi a bambini che vivono nelle famiglie più povere del Sud del mondo.
  • lotta alla povertà femminile, promuovendo l’organizzazione di gruppi di discussione e alfabetizzazione, gruppi di risparmio e credito; organizzando corsi di formazione professionale ed avviando il dialogo con le istituzioni affinché il diritto alla terra sia riconosciuto anche alle donne.

Il cambiamento è possibile e creare un mondo più civile anche. Basta volerlo e adoperarsi perché questo avvenga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.