È Made in Africa la risposta ai problemi del continente

 

Soluzioni africane per i problemi del continente. È “Made in Africa” il tema della quinta edizione dell’Innovation Prize for Africa che sarà ospitato quest’anno nella capitale del Botswana il 22 e 23 giugno.

Dieci i finalisti di quest’anno e anche questa volta la scelta dei tre vincitori sarà difficile.

Scopo dell’evento – organizzato dall’African Innovation Foundation – è stimolare la crescita, l’innovazione e la creatività del continente. Soprattutto quella proveniente dai giovani. Quest’anno è stato registrato il record di 985 partecipanti da 46 Stati africani.

Tra le innovazioni/soluzioni in competizione l’Api-Palu medicinale antimalarico realizzato con estratto di piante. Il medicinale molto meno costoso degli altri in circolazione e composto da elementi naturali, è stato realizzato da uno specialista in medicina alternativa del Benin ed è già stato approvato in Benin, Burkina Faso, Chad, Repubblica Centrafricana.

E ancora: una piattaforma peer-to-peer di e-learning, il Tryctor – minitrattore modellato su motociclo per aiutare i piccoli agricoltori, PowerGuard – tecnologia che permette di stabilire e regolare l’utilizzo quotidiano massimo di energia elettrica – ed Exatype, software per rilevare l’HIV e la reazione ai trattamenti.

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista. Scrive di Africa anche su Ghanaway e altre riviste specializzate. Si interessa e scrive di questioni che riguardano il continente africano, di diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali. Fondatrice del progetto afrowomenpoetry

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *