Idomeni, la migrazione delle “anime nere”

 

 

Sembrano immagini che vengono dal passato. Immagini di sofferenze superate, sanate. E invece, sappiamo che sono le immagini con cui – anestetizzati o meno alla tragedia – dobbiamo fare i conti tutti i giorni. In quest’Europa che implode nella più grande crisi umanitaria dalla Seconda guerra mondiale. E, per quanto luoghi e persone protagoniste di questo dolore, possano sembrarci lontani – seppure alle porte di casa – la tragedia dal punto di vista morale ma anche per gli effetti che avrà (e sta già manifestando) è di proporzioni globali.

Idomeni (o Idomene), un piccolo paesino della Grecia al confine con la Macedonia, sta diventando un simbolo – come già Lampedusa o la “giungla” di Calais. Simbolo dell’incapacità (o dell’egoismo) dell’Europa di affrontare una crisi che non accenna a finire. Dimenticando che le migliaia di persone che premono alle frontiere non sono immigrati economici – magari una minima parte – ma scappano dalle guerre e le destabilizzazioni provocate anche dagli interventi e dalle politiche europee.

La gente preme ai posti di blocco, sui fili spinati, contro i muri e le barricate, costretti a subire le angherie di poliziotti che eseguono ordini e di governanti che quegli ordini li danno. Costretti alla “ritirata” dai gas lacrimogeni. Come si fa con i delinquenti. Ma sono famiglie. Sono bambini.

Per sapere cosa accade laggiù – senza edulcorazioni – possiamo ascoltare le testimonianze di quelle Organizzazioni che cercano di portare assistenza, conforto e umanità a questi uomini piegati dalle sofferenze e piagati dalla fatica dei lunghi cammini. Come la lettera di Daniela, per esempio, infermiera di Medici Senza Frontiere, affidata al web qualche giorno fa. Un atto di accusa, gentile e moderato, che sferza la coltre di indifferenza (e cattive politiche). Come i video e foto condivisi in diretta, senza montaggi o commenti. Tanto, non ce n’è bisogno…

O come questo reportage di Fotomovimiento, progetto nato da un collettivo di fotografi catalani.

 

[Tutte le foto fanno parte del Reportage a cura di Fotomovimiento e sono state pubblicate con licenza CC (BY-NC-ND 2.0). Su Flickr altre immagini e progetti della ONG catalana]

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista. Scrive di Africa anche su Ghanaway e altre riviste specializzate. Si interessa e scrive di questioni che riguardano il continente africano, di diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali. Fondatrice del progetto afrowomenpoetry

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *