Carlos Latuff e la “sua” rivolta siriana a “Komikazen 2012”

Carlos Latuff, disegnatore e attivista brasiliano famosissimo nei Paesi arabi e pubblicato in moltissimi altri, è cronista d’eccezione, super partes, della rivolta siriana.

Esplosa il 15 marzo 2011 nella cittadina sud-occidentale di Dar‘a, al confine con la Giordania, si è trasformata da contestazione pubblica a vera e propria guerra civile, della quale abbiamo solo confusi e lapidari comunicati stampa. In aperto contrasto con il regime del presidente Bashar al-Assad, i rivoltosi sono stati duramente repressi e perseguitati dalle milizie delle forze armate siriane, ma il malcontento popolare ha lasciato il posto a milizie anch’esse guidate da altre forze.

Le organizzazioni internazionali hanno dichiarato deprecabili gli atti di violenza attuati contro i manifestanti, ma lo scacchiere mediorientale, suddiviso in aree di influenza, vede i civili pedine di interessi diretti e indiretti che poco hanno a che fare con l’idea di civiltà. Ciononostante, gli Stati Uniti, così come l’Unione europea, non hanno manifestato la volontà politica, né sembrano avere intenzione di intervenire direttamente nel teatro siriano. I giornalisti sono estromessi e non ci sono notizie di prima mano. Ancora una volta gli interessi economici sembrano prevalere sulle basilari norme del diritto internazionale umanitario.
In questo silenzio interrotto solo dal numero di morti, il tratto sagace e affilato di Latuff prende la parola e traduce in immagini una spinosa questione di portata sovranazionale, assumendosi l’onere di interpretare e commentare quanto sta accadendo: le milizie antigovernative e il regime sono entrambi bersagli di un osservatore attento e informato come Latuff.
[Tutte le immagini che seguono sono pubblicate sotto licenza CC]

Bashar al Assad, body count in Syria
Syria: apotheosis of barbarism
Syrian revolution
Syria, the hangman
Western plans for Syria

Carlos Latuff (Rio de Janeiro, 1968) è un disegnatore brasiliano di origini libanesi all’opera dall’inizio degli anni ‘90 e divenuto noto a livello internazionale per il suo attivismo visivo vicino ai movimenti no global. Il pacifismo e l’antimilitarismo sono anch’essi tra i temi portanti dei suoi lavori, tutti rigorosamente copyleft, pubblicati in innumerevoli Paesi e contesti. Dal 2010 uno degli argomenti su cui maggiormente si concentra il suo lavoro è la “primavera araba”: anche queste vignette fanno il giro del mondo. Il suo lavoro è stato pubblicato tra l’altro dalla rivista Mad, Le Monde Diplomatique e da The Toronto Star. Inoltre, molte vignette sono apparse su carta sull’Islamic Front for the Iraqi Resistance (JAMI), il Saudi magazine Character, il giornale libanese Al Akhbar. La sua serie sulla Palestina è stata fortemente boicottata dal governo israeliano e da associazioni sioniste.

Carlos Latuff sarà ospite di Komikazen, Festival del fumetto di realtà di Ravenna. Per l’occasione la casa editrice GIUDA edizioni pubblicherà un libro-antologia dal titolo “#SYRIA”.

Gianluca Costantini

Gianluca Costantini è un disegnatore e artista visivo che indaga il reale da più di 15 anni. Insegna Arte del Fumetto all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha pubblicato Graphic Novel e storie brevi in molte lingue. Il suo blog è www.graphicjournalism.org e Twitter @channeldraw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *