Mondo arabo: “gli ultimi saranno i primi”

Pubblichiamo un intervento di Zineb Naini, giovane studentessa di origini marocchine residente in Italia, attivista del Movimento 20 Febbraio – Italia. Zineb si fa interprete appassionata degli eventi che stanno cambiando la storia della sponda sud del Mediterraneo, rappresentando in questa breve riflessione le aspettative e le istanze di quella parte della sua generazione più impegnata per il cambiamento sociale e politico.

Le rivoluzioni arabe sono state studiate, osservate, commentate e ribaltate da schiere di sociologi, politologi, esperti e meno esperti di qualsivoglia genere di movimento fuori dagli schemi.

Tutti questi cervelli tanto concentrati nel rendere il mondo arabo un infinito puzzle non avevano previsto, né tantomeno sperato e creduto in un risveglio della dignità araba.

Di coloro che la rivoluzione l’hanno vissuta, urlata e, si può osare dire, vinta ne hanno parlato tanto. Il loro inaspettato coraggio, le loro idee, il sangue da loro versato, gli obiettivi raggiunti e quelli ancora da raggiungere.

Ma nessuno ha mai ancora parlato di chi queste persone le ha viste nascere, crescere e sviluppare un doloroso percorso che ha portato al dirottamento della storia. Di chi ha visto come nasce un’idea, come esce dalla mente umana per diventare forza viva, attiva, pericolosa e vincente, di chi ha visto tutto questo e accuratamente le ha evitate, ha evitato queste persone e le loro idee, proprio perché pericolose, non allineate al pensiero comune, ovvero il pensiero del regime e niente all’infuori di esso.

Alle prime proteste, quelle con dieci persone e cento poliziotti, tanto per intenderci, hanno puntato il dito da dietro le porte di casa, accusando i manifestanti di sabotaggio e di voler alimentare l’insicurezza e l’instabilità del Paese. L’hanno fatto a voce bassa, ma non abbastanza bassa da non farsi sentire dal “Grande Fratello”, affinchè non possano mai essere accusati di essere complici, nemici dello Stato, affinchè dopo che improbabili rivoluzioni avessero ovviamente fallito non sarebbero stati associati ai pazzi che avevano osato pensare cose diverse da quanto ordinato loro dall’alto.

Marocco, manifestanti e forze dell'ordine si 'affrontano' durante le proteste, foto dell'utente Flickr Magharebia in CC

Durante le rivoluzioni questi ultimi sono diventati invisibili, semplici spettatori, non troppo desiderosi di scambiare la sicurezza con la libertà, perché non ci sono garanzie in uno scambio del genere.

Ma quando una rivoluzione riesce, che posto conquistano coloro che non vi hanno partecipato neanche con le idee? Coloro che, come la peste, hanno evitato qualsiasi coinvolgimento mentale e fisico?

Questi ultimi saranno i primi, avranno un posto in prima fila e per primi parteciperanno alla gioia e alla nuova politica. Si faranno coinvolgere dai vantaggi della libertà acquistata gratuitamente e affermeranno che il loro cuore era certo della vittoria.

Gireranno per le piazze, mettendoci piede per la prima volta, ormai vuote da pericoli e saranno i nuovi volti del “dopo”, non essendolo mai stati del “prima” e del “mentre”.

Gli ultimi saranno i primi e lo saranno con coscienza. Daranno consigli su come amministrare, far quadrare i conti e su quali libertà concedere o meno a coloro che l’hanno conquistata.

Vorranno essere i primi e lo saranno, perché chi ha messo la voce, le idee e il sangue nelle piazze l’ha fatto affinchè anche questi ultimi avessero la libertà di diventare primi.

Diffidare dei mediocri che invisibilmente e coscientemente evitano il presente rivoluzionario per poi presentarsi alla porta, come liberatori dopo la vittoria, o come cecchini dopo il fallimento, sarebbe la soluzione contro quello che oggi accade…ma sono milioni e la maggior parte di noi dovrebbe diffidare di se stesso.

Il Movimento 20 Febbraio è un movimento marocchino giovanile, popolare e pacifico che rappresenta le varie componenti sociali, professionali e politiche della società marocchina, inclusi i marocchini all’estero.
Il movimento lotta per il cambiamento radicale, totale e immediato a livello politico, sociale ed economico in Marocco. Per ulteriori dettagli si veda la relativa pagina del gruppo Facebook.

3 pensieri riguardo “Mondo arabo: “gli ultimi saranno i primi”

  • 2 dicembre 2011 in 17:53
    Permalink

    l’intervento della ragazza chiarisce gli aspetti violenti, sanguinari del Movimento 20 Febbraio. Tale movimento privo di idee chiare è stato rapito ultimamente da oscurantisti ed estremisti, movimento fallito in Marocco. Senza futuro in Italia, sta cercando alleanze con estremisti del Medio Oriente siriani a Milano e palestinesi a Bologna. L’estremista palestinese opportunista che non ha nemmeno il coraggio intellettuale di andare a lottare a fianco del suo popolo in Palestina ma si attiva “A MODO SUO” nella Piazza Grande di Bologna, cerca di mettere il naso nelle questioni del GRANDE MAROCCO. Due settimane fa, il dottor Pales. ha partecipato a Bologna ad un sit – in con 14 persone, compresi i bambini.
    Vergognatevi …

    Risposta
  • 2 dicembre 2011 in 20:06
    Permalink

    Il GRANDE MAROCCO sarà grande solo quando il suo popolo potrà decidere da se’, senza condizionamenti, da chi farsi guidare e quando avrà il diritto di poter cambiare idea ogni volta che vorrà.

    Sarà grande quando potremo avere questa conversazione sul suolo marocchino senza che uno di noi due,in questo caso io, sparisca o venga massacrato per aver espresso idee diverse (che possono essere anche sbagliate, ma sono sempre e comunque idee).

    Sarà grande quando io e te avremo le stesse possibilità di esprimere le nostre posizioni e opinioni e quando il nostro “duello” avverrà ad armi pari sotto forma di dibattito e non di accusa/difesa.

    Ora non lo è

    Risposta
  • 3 dicembre 2011 in 10:57
    Permalink

    Il GRANDE MAROCCO ha detto la sua senza condizionamenti, il primo luglio ha approvato una nuova Costituzione con un ben 98 per cento di SI.

    Il POPOLO del GRANDE MAROCCO ha votato per le legislative 2011 con un percentuale di 45,40 per cento nel 2007 era solo 37 per cento.

    Benkirane è il capo del governo per la prima volta nella Storia marocchina.

    Questa tua conversazione non è niente in confronto al dialogo e al dibattito che c’è sul territorio marocchino. Nessuno è stato sparito o massacrato come tu dice. “Anni di piombo” sono al passato, l’IER Istanza Equità e Riconciliazione ha detto la sua. Stai tranquilla Zineb dialogare non fa male a nessuno di noi.

    Sacrosanto il principio della democrazia in Marocco come in Italia ma non lo è in Medio oriente, nel paese del medico di palestin a Bologna o in Siria

    Certamente nel GRANDE MAROCCO abbiamo le stesse possibilità di esprimere le nostre posizioni e opinioni. Ma purtroppo gli oscurantisti islamisti di Abslam and Salafiti ed gli estremisti di Marx Mao Trodsky… negano la democrazia stessa figuriamoci per la libera espressione delle idee per gli altri. Questi piccolissimi gruppuscoli isolati dalla società e che si attivano nelle università hanno sempre etichette pronte ad attaccare sugli altri.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *