19 Luglio 2024

Misurare popolarità e autorevolezza di testate e politici Usa basandosi sui “tweet”

Le persone con ampia popolarità vantano maggiore autorevolezza. O almeno questo l’assunto tra noi su Babbage [blog su tecnologia e società pubblicato sul sito di The Economist in collaborazione con Global Voices Online.] Le cose, però, non sono così semplici, come dimostra lo studio condotto dal Social Computing Lab nel ramo ricerche di Hewlett-Packard.

Bernardo Huberman, direttore del laboratorio, insieme ai colleghi (Daniel Romerso, Wojciech Galuba e Sitaram Asur) ha analizzato 22 milioni di messaggi su Twitter, il noto servizio di microblogging, per indagare la relazione fra la popolarità e autorevolezza. È facile misurare la prima: aumenta in base al numero di utenti che seguono i messaggi di una certa persona o entità. Per contro, è più complesso misurare l’effettivo “peso” di costoro. I ricercatori hanno ipotizzato che gli utenti di Twitter fossero più influenti nella misura in cui riuscivano a superare la “passività” dei loro simpatizzanti, cioè la tendenza a non inoltrare i messaggi (lo studio ha mostrato che solo 1 su 318 dei messaggi inclusivi di nome utente genera un re-tweet).

Su questi presupposti hanno elaborato un algoritmo in grado di calcolare la diretta influenza di un certo utente. Il risultato più sorprendente è che il rapporto fra popolarità e importanza si rivela inferiore alle aspettative. Alcune testate, ad esempio, contano parecchi simpatizzanti ma sono piuttosto scarsi quando si parla di messaggi inoltrati via Twitter. People Magazine e The Onion, sito di satira, avevano più o meno lo stesso numero di simpatizzanti nel settembre 2009, quando sono stati raccolti i dati (rispettivamente 2.1 milioni e 2.3 milioni). Ma il primo era al 565° posto nella classifica dei più influenti e il secondo al 92°. The Economist, che contava appena 311.109 simpatizzanti, si collocava a un rispettabile 902° posto in quanto ad autorevolezza.
Ecco di seguito l’elenco delle 30 testate più influenti su Twitter (l’intero elenco è disponibile qui):

Numero @nome utente Denominazione Simpatizzanti Classifica influenti
1 @mashable Pete Cashmore 2037840 59
2 @cnnbrk CNN Breaking News 3224475 71
3 @big_picture The Big Picture 23666 92
4 @theonion The Onion 2289939 116
5 @time TIME.com 2111832 143
6 @breakingnews Breaking News 1795976 147
7 @bbcbreaking BBC Breaking News 509756 168
8 @espn ESPN 572577 187
9 @harvardbiz Harvard Business Rev 219039 227
10 @gizmodo Gizmodo 111025 237
11 @techcrunch TechCrunch 1402254 319
12 @wired Wired 547187 322
13 @wsj Wall Street Journal 366133 358
14 @smashingmag Smashing Magazine 224333 360
15 @pitchforkmedia Pitchfork 1494896 384
16 @rollingstone Rolling Stone 133999 436
17 @whitehouse The White House 1794544 448
18 @cnn CNN 1196719 473
19 @tweetmeme TweetMeme 52386 515
20 @peoplemag People magazine 2099081 565
21 @natgeosociety National Geographic 274851 603
22 @nytimes The New York Times 2502914 705
23 @lifehacker Lifehacker 62302 708
24 @foxnews Fox News 260081 710
25 @waitwait waitwait 32895 824
26 @newsweek Newsweek 1250884 844
27 @huffingtonpost Huffington Post 632555 849
28 @newscientist New Scientist 144355 852
29 @mental_floss Mental Floss 68975 874
30 @theeconomist The Economist 311109 902

Con i politici il divario si fa più ampio, almeno per gli Stati Uniti. Se le cifre raccolte da Huberman e colleghi sono esatte, il politico statunitense più influente su Twitter non è John McCain (che vanta 1.7 milioni di simpatizzanti) bensì Nancy Pelosi (con 15.964 followers). Eppure i risultati dei repubblicani nell’insieme appaiono piuttosto buoni: 70 fra i 100 membri del Parlamento più influenti appartengono al GOP [partito repubblicano].

Sicuramente gli esperti discuteranno a lungo su quanto sia effettivamente valido l’algoritmo sviluppato dal Social Computer Lab HP per misurare il “peso” delle testate web. Altri, invece, si chiederanno: e con ciò? Ma l’esercizio è ben lungi dall’essere sterile. In un mondo sempre più sommerso da tweet, post, like e simili battute veloci, è utile sapere chi viene effettivamente ascoltato. Di fatto, è anzi fondamentale visto che aziende, governi e individui vogliono far arrivare il loro messaggio tramite i social network — ribadiscono Huberman e colleghi nella ricerca svolta (reperibile qui).

Altri ricercatori sicuramente escogiteranno tecniche alternative per misurare influenza e autorevolezza. Con qualche sponsorizzazione l’impresa sarà sicuramente meno ardua di quella affrontata dai colleghi di HP. Infatti, per ottenere i dati grezzi, questi ultimi hanno dovuto ricorrere alla funzione “ricerca su Twitter per oltre 300 ore. Ma il 17 novembre scorso si è saputo che il servizio venderà l’accesso ai messaggi tramite un partner, Gnip. Stando alle notizie pubblicate, la società fornirà la metà di tutti i tweet diffusi al costo di 360.000 dollari Usa l’anno oppure il 5% per 60.000 dollari. Basterebbe questa seconda opzione per raccogliere dati sufficienti a trovare gli aghi più influenti nel pagliaio digitale di Twitter: attualmente ospita circa 5 milioni di messaggi al giorno.

————

Il blog Babbage si occupa di tecnologia e società, e viene pubblicato sul sito di The Economist in collaborazione con lo staff di Global Voices Online. Traduzione di Maria Grazia Pozzi dell’originale inglese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *