Le utopie riciclate (quelle cyber soprattutto) danneggiano l’attivismo sociale

Un lungo (e dotto) intervento sul settimanale The New Yorker illustra una tesi poco popolare, soprattutto tra la folta schiera dei digerati. Il cyber-attivismo servirà a poco o nulla per facilitare il cambiamento sociale — almeno finché non si integri con una struttura già attiva o messa in piedi all’uopo “nel mondo reale”. I social media non possono né potranno attivare trasformazioni concrete nella società: the revolution will not be tweeted.

A sostegno di tale tesi Malcolm Gladwell cita in dettaglio svariati casi del movimento dei diritti civili USA dei primi anni ’60, evidenziando la necessaria fisicità dell’organizzazione e delle azioni intraprese come unica strada che portò al successo. «Se Martin Luther King, Jr., avesse provato a fare un wiki-boicottaggio a Montgomery, sarebbe stato letteralmente schiacciato dalla macchina del potere dei bianchi.»

Al confronto, le bravate raccontate da Clay Shirky sull’attivismo digitale o sul potere del web collettivo appaiono poco più che puerili – e a ragione, perché simili incursioni non fanno altro che auto-replicarsi in maniera orizzontale, difettando dell’ovvia penetrazione verticale che sola può colpire al cuore l’ordine costituito. In sintesi: nel facilitare l’espressione degli attivisti, i social media allontanano la possibilità che tale espressione abbia effetti concreti.

Cyber-utopiaNe consegue una caratteristica decisamente conservatrice dei social media, cosa che molti continuano però a ignorare, o fingono di farlo: «Non sono un nemico naturale dello status quo». E d’altronde analisi più attente su quella che molti media hanno frettolosamente definito “Twitter Revolution” lo scorso anno in Iran o anche in Moldavia hanno poi rivelato come l’attivismo fosse in realtà ben radicato nelle piazze e nelle menti della gente, non certo online; e lo stesso dicasi per altri esempi in Corea del Sud ribaditi da Shirky nella sua ultima fatica, “Cognitive Surplus”. Pur se usare il Professore della New York University a mo’ di capro espiratorio o definire i suoi testi la bibbia del movimento dei social media diventa controproducente.

Come si evidenzia meglio nella trascrizione del chat pubblico successivo alla pubblicazione dell’articolo, Malcolm Gladwell non vede però tutto nero. L’elezione di Barack Obama è stato un ottimo esempio in cui la «combinazione tra l’attivismo di base e i social media si rivela assai utile». Mentre Twitter e Facebook sono importanti per introdurre certi temi a una vasta fetta di persone e per tenere le fila della conversazione, pur se la loro stessa natura previene approfondimenti o sviluppi davvero significativi. O per firmare petizioni e proclami, guadagnare supporter a certe cause — ma senza dover scendere in strada a manifestare, né esporsi concretamente in prima persona.

È vero: la tecnologia può fare miracoli ma «non può modificare le dinamiche alla base dei “problemi umani”: non rende più facile amare o motivare o sognare o convincere», insiste Gladwell. Che si sia d’accordo o meno, è fuori di dubbio che le odierne “cyber-utopie” ricalcano fin troppo i primi anni della Rete per come la conosciamo, metà anni ’90, quando troppi addetti ai lavori pensavano potesse davvero trasformare il mondo e unificare i digerati oltre confini e leggi nazionali. Un esempio per tutti, la Dichiarazione d’indipendenza del cyberspazio, datata febbraio 1996, in cui John Perry Barlow delineava in 16 brevi paragrafi, lo specifico “contratto sociale” che dava forma a Internet e in base al quale i suoi utenti erano immuni dalle normative giuridiche o dai problemi concreti dei comuni mortali.

Peccato che, appunto, si trattasse di utopie fuori luogo — come hanno rivelato da allora Pechino, Teheran e Il Cairo, con manovre e interventi ripetutamente repressivi, ma anche Parigi e Roma, con le odierne leggi o proposte censorie. Alla faccia di un’impossibile Internet senza frontiere.

Riproporre oggi analoghi sensi unici in stile dead-end — pensare cioè che social network e blogosfera possano davvero scardinare lo status quo, come vorrebbero farci credere l’elite digitale e i colossi del cyber-business, o che iniziative pur stimolanti come Global Voices Online e il relativo progetto Lingua riescano a “far parlare tra loro chi vive in Corea con gli abitanti del Camerun…su idee e temi condivisi”, come suggerisce Ethan Zuckerman — è decisamente troppo. Almeno per i miei gusti 😉

Bernardo Parrella

Traduttore, giornalista, attivista (soprattutto) su temi relativi a media e culture digitali, vive da anni nel Southwest Usa e collabora con progetti, editori e testate italiane e internazionali (@berny).

4 pensieri riguardo “Le utopie riciclate (quelle cyber soprattutto) danneggiano l’attivismo sociale

  • 10 ottobre 2010 in 05:53
    Permalink

    in effetti, se Che Guevara e Fidel Castro avessero fatto un gruppo su Facebook, anzichè andare nella Sierra Maestra, adesso ci sarebbe ancora il figlio di Batista a Cuba.

    Risposta
  • 10 ottobre 2010 in 10:24
    Permalink

    Solo la parola senza azione non genera il cambiamento. Il pensiero e la parola sono il carburante e il motore ma l’azione si muove sulle ruote, sul movimento. Sull’azione.

    Risposta
  • 10 ottobre 2010 in 19:47
    Permalink

    Gladwell, come Carr, Lanier, Schirrmacher sono voci divergenti e per questo ben vengano: ci mettono in guardia da google e da facili illusioni. Gli inviti al pensiero critico vanno sempre accolti. Tuttavia nell’articolo c’erano alcune imprecisioni: non trovo fra i commenti quello che avevo inviato quasi subito (era il terzo) che faceva riferimento a questa frase “Car companies sensibly use a network to organize their hundreds of suppliers, but not to design their cars.” Non e’ vero che non si usano le community per progettare le auto e avevo inviato il link a questa conferenza “community based e-car development” E anche nella chat mi è sembrato che emergesse soprattutto una qualche idiosincrasia personale verso twitter.
    Sono daccordo con te: blog e twitter non modificano lo status quo, ma come il ciclostile, le radio libere e i fax, permettono alle persone di esprimersi e scoprire che nono sono sole. E’ questo è pur sempre un primo passo.

    Risposta
  • 10 ottobre 2010 in 21:04
    Permalink

    indeed, il pezzo di gladwell aveva vari passaggi ambigui e didascalici, oltre a qualche svista, ma il chat chiarisce meglio le sue posizioni ovviamente piu’ sfumate — e cmq c’e’ sempre piu’ bisogno di voci critiche ma addentro alla tecnologia, come ribadiva mcluhan e come fanno anche questi autori, ognuno con le sue idiosincrasie e anche falle profonde; l’importante e’ non farne delle immovibili ancòre teoriche o, appunto, ideologiche, in un verso e nell’altro, ma saperle (e sapersi) adattare ai mutamenti continui; ed e’ questo uso ideologico, politico che mi (e ci) preoccupa di piu’, soprattutto se incarnato da diversi personaggi che tirano le cyber-utopie made in USA di ieri e di oggi proprio a tale scopo (evidente o sotteso) — e’ quindi il caso di prendere le dovute distanze (e chiarire come stanno in realta’ le cose), pur abbracciandone alcune posizioni, condivisibili un po’ da tutti… –b.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *