Rumba congolese, da voce di libertà a strumento di propaganda

Nella RDC la storia della musica e della politica si intrecciano fin dai primi giorni di vita del Congo in quanto nazione indipendente. I leader che si sono susseguiti negli anni ben comprendevano il suo potere. Il 27 novembre prossimo si sarebbe dovuto tenere a Parigi un grande concerto che doveva segnare il ritorno del re della rumba lingala, Koffi Olomide, sulla scena europea. Le proteste portate avanti da un gruppo di attivisti congolesi noti come i “combattenti” e che definiscono Koffi il “Griot dei dittatori”, hanno contribuito a far annullare l’evento. Uno di loro, Zorobilele Ingeta, spiega a Voci Globali il motivo del boicottaggio.

Leggi il seguito

RDC: elezioni e violazione dei diritti umani

I rapporti pubblicati dalle Nazioni Unite e dall’Unione Europea in merito alla recente tornata elettorale nella Repubblica Democratica del Congo offrono uno spunto importante per mettere in luce progressi e criticità nel processo di democratizzazione del grande Paese centroafricano.

Leggi il seguito