Quando la protesta nasce sui social e i governi li oscurano

Cresce il malcontento contro politiche e governi, e corre veloce sui canali che le persone usano quotidianamente, ormai in tutto il mondo. Ma la risposta, in molti Paesi, dalla Turchia all’Etiopia, dal Brasile al Vietnam, è oscurare i canali social: bloccare Facebook, Twitter, YouTube per far sì che le criticità non emergano, che gli attivisti non si organizzino, che un movimento di protesta non si possa costituire. E non è solo una questione di diritti politici e di espressione, uno studio sottolinea – infatti – come questi blocchi abbiano anche un grave impatto sull’economia dei Paesi in questione.

Leggi il seguito

Meno libertà in tutto il mondo. In Siria la vita peggiore

L’analisi di Freedom House evidenza un inquietante aumento dei Paesi che perdono terreno sul piano dei diritti a causa della sorveglianza di Stato, delle restrizioni sull’uso di Internet e sulla libertà personale.

Leggi il seguito