19 Giugno 2024

Danimarca

Morie di massa, il Covid diventa dramma anche per la fauna

Segnalazioni da tutto il mondo stanno dimostrando la suscettibilità di diverse specie animali al coronavirus. Secondo i risultati di studi sperimentali effettuati dall’OIE, più sensibili al virus sono i furetti, i conigli e i gatti. Particolarmente colpiti i visoni la cui particolare suscettibilità al Covid-19 sta obbligando vari Stati a decretare l’abbattimento di milioni di mustelidi. Allargando lo sguardo, l’aumento delle morie di massa negli ultimi anni potrebbe portare all’estinzione varie specie animali, contribuire a sconvolgere ulteriormente l’ecosistema del pianeta e mettere in pericolo diverse attività umane.

Leggi di più

Le risposte scandinave al Covid-19, primi nel bene e nel male

Come stanno reagendo i Paesi nordici alla diffusione del coronavirus? Accomunate da un welfare magnanimo e da uno spiccato senso di responsabilità individuale e collettiva, Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia si muovono di regola armonicamente. Ma nella gestione di questa pandemia la situazione è diversa. Ogni Stato ha, infatti, adottato misure differenti per limitare i contagi e fronteggiare gli effetti negativi sull’economia. Stoccolma, tuttavia, continua a rifiutare il lockdown totale con conseguenze imprevedibili anche per il resto dell’Europa.

Leggi di più

Danimarca: paradosso nordico, femminismo e gender gap

Lo stereotipo sud-europeo che vede i Paesi scandinavi come i più avanzati dal punto di vista della parità di genere rispecchia davvero la realtà? Il 52% delle donne danesi tra i 18 e 74 anni è stata vittima di violenza fisica e/o sessuale. Il 32% l’ha subita per mano di un partner. Attraverso uno sguardo su sessismo, violenza di genere e tasso di femminicidio, si scopre come in questo Paese eguaglianza sociale non significhi eguaglianza di genere, come confermano studi per cui “più a Nord” non sta per “più parità”: il panorama è più sfumato e articolato.

Leggi di più