Conferenza a Nayarit, per un disarmo nucleare umanitario

La discussione sempre più vivace sull’impatto umanitario delle armi nucleari può far progredire le trattative sul disarmo. Una recente conferenza in Messico ha avuto proprio lo scopo di ribadire gli scenari e i rischi che corre il pianeta e di sottolineare strategie positive per il dialogo che porti all’abolizione dell’uso di tali ordigni. L’obiettivo è quello di superare gli interessi nazionalistici a favore della sicurezza reale di tutto il genere umano.

Leggi il seguito

Cina: oltre il partito, intervista a Wang Hui

A colloquio con l’intellettuale della Nuova Sinistra. Corruzione, Rivoluzione culturale e lo spettro di Mao. Una lunga intervista, condotta da openDemocracy, che aiuta a capire quanto è cambiata la Cina ma anche quanto la coscienza di classe sia un concetto ormai molto sfumato. E il futuro politico rimane un’incognita mentre Tienanmen è una ferita ancora aperta, soprattutto per i giovani che vi presero parte. Tra questi lo stesso Wang Hui, che racconta cosa ha tratto da quell’esperienza.

Leggi il seguito

Chi era Edward Snowden? Benvenuti nel buco della memoria

E se Edward Snowden sparisse? Non nelle tradizionali modalità del Novecento: nell’America del XXI secolo, la possibilità di far sparire persone in modalità nuove sta trovando nuovi spazi online. Un’analisi sul controllo esercitato in Rete dai governi, una minaccia al capitale della memoria: non un esercizio di futurologia, ma la dettagliata descrizione di dinamiche che stanno diventando realtà.

Leggi il seguito

Kenya: “160 ragazze”, sentenza storica contro la violenza sessuale

Una decisione di portata storica dell’Alta Corte del Kenya ha stabilito che l’inerzia della polizia nell’occuparsi delle denunce di stupro di 160 ragazze (organizzatesi poi come gruppo di pressione verso gli organismi giudiziari del Paese) ha creato un clima di impunità per le molestie sessuali ai minori, rendendo lo Stato indirettamente responsabile delle sofferenze e delle ferite inflitte dagli stupratori alle ragazze.

Leggi il seguito

Libia, gli errori politici che minacciano la stabilità del Paese

Le profonde spaccature tra i leader al governo e i gruppi armati rischiano di portare al caos. E’ il momento della svolta. I politici libici stanno camminando sul filo del rasoio tra legittimità e anarchia mentre le milizie chiedono la loro testa e la popolazione rimane ad osservare mostrando sentimenti alterni di rabbia, disperazione e alienazione. Il “rapimento” da parte di unità combattenti del Primo ministro Ali Zeidan (poi rilasciato) dà la misura della situazione attuale nel Paese.

Leggi il seguito

La poesia militante non chiede il permesso

Come i versi catturano le realtà più difficili senza censura. Dall’attivista, poetessa e freelance Andrea Abi-Karam che racconta le esperienze di Area Bay a San Francisco e di “Occupy Oackland”. La tivù, la pubblicità e altri media effimeri – scrive l’autrice – proiettano l’immagine di un mondo scintillante e artificiale, mentre la poesia cattura realtà oppressive e dure senza censura. Questa è la sua forza.

Leggi il seguito

Colombia, dall’Irlanda del Nord una lezione nel processo di pace

Secondo alcuni studiosi la stabilizzazione del Paese può essere agevolata da particolari metodi di assegnazione seggi. Alcuni analisti individuano nel metodo d’Hondt, che permetterebbe una forma più democratica di condivisione del potere – già utilizzato in Irlanda del Nord – una garanzia per il dialogo istituzionale e civile tra le parti finora in conflitto.

Leggi il seguito

Siria tra contraddizioni e indifferenza

Da openDemocracy un’analisi sulla crescente militarizzazione del conflitto e gli errori e ipocrisie dei poteri occidentali. Viene affrontata soprattutto la questione dell’uso delle armi chimiche e del “due pesi due misure” degli Stati Uniti e di altri Paesi nei confronti del problema. E portati esempi di “tolleranza” nell’uso di tali armi su altri scenari.

Leggi il seguito

Soggetti ai margini: i migranti LGBT

Cosa significa essere privi di documenti negli USA? Traendo spunto dalla propria esperienza del sistema di asilo negli Stati Uniti, l’attivista di origini colombiane Mónica Enríquez-Enríquez presenta due video da lei prodotti sui diritti dei migranti LGBT, la violenza e la definizione della propria identità ai margini del contesto sociale.

Leggi il seguito

Democrazia congelata: un’autopsia della Costituzione islandese

Nonostante il vasto sostegno popolare, l’innovativa proposta di revisione costituzionale in “crowdsourcing” è stata smantellata dal sistema politico. Un’analisi dell’accaduto a cura di un ex-membro del Consiglio costituzionale, che rivela tuttavia anche un certo ottimismo per il futuro .

Leggi il seguito
Pagina 10 di 14« Prima...89101112...Ultima »