Vivere a Gyetiase: quando è il bianco ad essere nero (parte II)

Oggi il vero pioniere non è chi arriva in luoghi meravigliosi e incontaminati ma chi va in posti degradati e poveri. Dove se prendi la malaria e non hai le medicine muori. Dove gli odori sono spiacevoli, dove nessuno vorrebbe mai andare. Né tanto meno vivere. Ma dove, se offri una caramella a un bambino, questo ti mette davanti il più piccolo e gli allunga la mano in modo che tu la dia a lui per primo.

Leggi il seguito

Vivere a Gyetiase: quando è il bianco ad essere nero (parte I)

Può capitare che il bianco prenda il posto del nero. Quando accade, la prospettiva cambia e la lente con cui guardavi le cose intorno a te è da buttare via. Ciò può accadere, per esempio, quando vivi da un pò di tempo in un villaggio africano come quello di Gyetiase in Ghana — che non riuscirete a trovare su nessuna cartina, neppure sulla più aggiornata Google Map.

Leggi il seguito

Africa francofona: eventi tragici e citizen media nel 2010

Un altro anno che va a chiudersi con un quadro poco sereno e denso di eventi di primo piano, quello offerto dai citizen media dell’Africa francofona. Questo post riassume il 2010 visto attraverso le lenti dei media partecipativi per come sono stati rilanciati dal team di Global Voices Online.

Leggi il seguito

"Foolish Flower": tra attualità e poesia dal Madagascar

A pochi giorni dalle elezioni referendarie che hanno approvato il progetto di modifica costituzionale proposto dal Presidente del Madagascar Andry Rajoelina – grazie al quale costui potrà restare nella carica assunta con un golpe nel 2009 – il blogger malgascio espatriato Lova Rakotomalala ha trovato riscontro ai suoi sentimenti in un componimento del poeta Rado (Georges Andriamanantena).

Leggi il seguito

In aumento le lettrici del mondo, incluse le lavoratrici domestiche immigrate in Italia

Promossa dalla Provincia di Roma (e ad essa relativa), la ricerca offre una maggiore comprensione di questo universo umano che tanto contribuisce alla società e di cui si sa così poco. Le donne straniere che assistono le famiglie italiane nelle faccende domestiche così come nell’assistenza ad anziani e malati, e nella cura dei bambini, svolgono un lavoro che in realtà richiede grande coinvolgimento umano, oltre che competenza. E un’indagine come questa fa parecchio per migliorarne l’integrazione.

Leggi il seguito

Tutelare la libertà d’espressione, online come offline, giorno per giorno e Paese per Paese

Davanti ad un Palamandela gremito di ragazzi e ragazze provenienti da tutta la Toscana (quasi 9.000 presenze), il 14° Meeting sui diritti umani ha confermato l’importanza della conversazione continua e della partecipazione diffusa per affermare la libertà di parola a favore di ogni individuo del villaggio globale.

Leggi il seguito

Media e diritti umani: rapporto difficile ma in mutazione positiva

L’informazione mainstream e le tematiche sociali, si sa, hanno da sempre un rapporto “conflittuale”: le notizie che le ONG cercano di “vendere” spesso non sono quello che le grandi testate vogliono “comprare”. Fortunatamente i new media stanno trasformando certe dinamiche e attitudini obsolete.

Leggi il seguito

La biblioteca nascosta…basta un libro per ritrovare la felicità

La giovane afgana Fariba vorrebbe diventare scrittrice, ma l’arrivo dei talebani segna la fine del suo sogno e l’inizio di un lungo periodo di paura e apatia. La vita scorre senza alcuna attrattiva… finché un giorno conosce una donna che le offre un’opportunità unica: entrare a far parte di una rete segreta di donne dedite alla lettura. I libri le restituiscono la felicità e Fariba riacquista quella parte di sé che aveva dovuto abbandonare.

Leggi il seguito

"Il Sangue Verde": intervista con il regista Andrea Segre

In occasione della presentazione del film “Il Sangue Verde” a Torino (lunedì 29 novembre ore 21, CineTeatro Baretti, via Baretti 4), abbiamo realizzato un’intervista con il regista, Andrea Segre. Si parla anche del lancio dell’Osservatorio Braccianti, intervento di “partecipazione anche virtuale per la costruzione di un’arena pubblica più attenta.”

Leggi il seguito

Misurare popolarità e autorevolezza di testate e politici Usa basandosi sui “tweet”

Un gruppo di ricercatori della Hewlett Packard ha svolto uno studio per valutare il peso dei 5 milioni di ‘tweet’ diffusi giornalmente nel rapporto fra popolarità e livello di influenza, rispetto a testate d’informazione e politici d’oltreoceano. I risultati riservano più di qualche sopresa…

Leggi il seguito