Migrador Museum, storie di immigrati in Italia

Ispirato all’esperienza di Ellis Island, il primo museo virtuale della migrazione in Italia: un mosaico di storie, dati, video. “L’Italia ha un patrimonio sconosciuto”, sostiene Martino Pillitteri, ideatore e responsabile di Migrador Museum. “E’ composto da tesori sotto forma di storie, esperienze, linguaggi, idee, coraggio, sacrificio, colori, sapori, competenze di migliaia di persone senza volto e senza nome che hanno vinto una grande sfida: iniziare una nuova vita in un altro ambiente, in un’altra lingua e con codici culturali diversi”.

Leggi il seguito

Libri in Africa? Dai donors occidentali troppi libri inutili

Dopo la stagione di vestiti, scarpe e giocattoli, è ora la stagione dei libri. Pensiero eccellente quello della diffusione della conoscenza, della cultura, del sapere. Peccato che, spesso, non si tenga di vista l’obiettivo e il target, ma solo il proprio “desiderio di fare del bene”. Senza logica però. E un’esperta di letteratura per l’infanzia lancia una provocazione: siano i bambini africani a raccontarci le loro storie, perché ognuno di noi ha storie diverse da raccontare

Leggi il seguito

A Messina il Forum della cittadinanza mediterranea

Spazio di espressione, creatività, confronto delle mille realtà che compongono i territori del Mediterraneo. Obiettivo di questo momento di incontro è quello di “mettere in comune attivisti e personalità varie in un grande contenitore politico/culturale per costruire un percorso volto a difendere l’idea di una integrazione che nasce dalla volontà di iniziativa cittadina”. Il Forum è dedicato a Paolo Dall’Oglio rapito in Siria nel 2013 e al blogger e attivista politico egiziano Alaa Abdel Fatah, che sta scontando 15 anni di carcere.

Leggi il seguito

Stato islamico, come si è arrivati alla situazione attuale

Agli inizi del 2014, in Occidente il movimento allora conosciuto come Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS o ISIL) e oggi semplicemente come Stato Islamico (IS), non destava particolari preoccupazioni. La cosa è cambiata radicalmente insieme all’avanzamento veloce di questo gruppo attraverso zone dell’Iraq, inclusa la cattura della città di Mosul. Su quali basi poggia la propaganda e il seguito dell’IS? Indietro nei millenni verso i nostri giorni, un’analisi da openDemocracy.

Leggi il seguito

In Sardegna un progetto integrato di consapevolezza

E’ l’esperienza dell’azienda agricola Coa Sa Mandara che da anni sviluppa idee e iniziative in direzione della coltura consapevole, unitamente ad attività di ricerca scientifica, culturale e di sostegno ai bambini nel Kerala e in Nepal. Viola Padovani, una della anime dell’azienda e fondatrice della ONG Centro Studi Platone, spiega come è possibile coniugare tutti questi impegni secondo il principio che tutto è collegato, sia dal punto di vista gnostico che spirituale.

Leggi il seguito

“Aid for Aid”, la parodia del mondo delle ONG in una serie tv

Sullo schermo le contraddizioni, l’inconsistenza, la superficialità e anche l’inutilità del lavoro delle ONG in Africa. Si tratta del primo Mockumentary sul mondo delle Organizzazione non Governative. E il titolo è ironico quanto il modo di trattare l’argomento: “The Samaritans” con sottotitolo esplicativo: “a comedy about an NGO that does nothing”. Le prime puntate sono online e si possono anche noleggiare per sostenere il progetto.

Leggi il seguito

Quanto conta l’interpretazione religiosa nei diritti umani

Il caso dell’Islam e dell’applicazione del Corano – giudicata non corretta da molti – nella vita quotidiana e nello Stato. Le differenze riguardo ai diritti umani nei Paesi islamici mostrano che non è la religione in se stessa ad essere importante, ma il progresso delle religioni all’interno delle società, il pensiero e l’interpretazione religiosa. E così le donne – ad esempio- subiscono le politiche più che la religione. E il riconoscimento o meno di alcuni diritti ha a che fare solo con il potere.

Leggi il seguito

Un narratore d’Africa attraverso un click

Nana Kofi Acquah, artista ghanese che ha fatto della fotografia il mezzo per raccontare un’Africa personale e “africana”. “Un narratore che per raccontare storie usa la macchina fotografica invece che la penna”. Si definisce così Nana Kofi e infatti guardare le sue immagini è come sfogliare un giornale con storie ed eventi quotidiani. Che accadono nel suo Paese, in Sierra Leone, Uganda, Angola, Mali, Liberia, Senegal… Sono storie – a colori o spesso in bianco e nero – disperate, dolorose. Di miseria, povertà, emarginazione. Ma non solo.

Leggi il seguito

Sabir Maydan, il primo forum della cittadinanza mediterranea

Nella cornice del Festival di letteratura mediterranea SabirFest che si terrà a Messina dal 25 al 28 settembre 2014, COSPE insieme a Mesogea organizzerà SABIRMaydan, una finestra sulla cittadinanza mediterranea.

Leggi il seguito