targa impastato

Molte sono le donne “contro” coinvolte nella mafia. Felicia Bartolotto Impastato dopo l’uccisione del figlio Peppino diventò un’attivista e non smise mai di lottare. Foto dell’utente Flickr Federico Scorzoni rilasciata in licenza CC (BY-NC-ND 2.0)

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista e blogger su Ghanaway. Si interessa e scrive di Africa, diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *