Lavoratori e immigrati in piazza, contro le bugie di Trump

Cresce la mobilitazione sul campo, da scioperi localizzati alla “Giornata senza immigrati” nella capitale, Washington DC. La vasta comunità latino-americana e le strutture occupazionali danno man forte alle proteste a livello nazionale. Pur se certe analisi segnalano la crescente somiglianza tra l’America Latina e gli Stati Uniti odierni, dove il populismo è il prodotto dell’ineguaglianza sociale, non mancano venti di ottimismo. E anche le testate mainstream iniziano a chiamare tali le bugie di Trump, ribadendo che “la verità è importante”.

Leggi il seguito

Colpi di scena e nuovi conflitti per la Casa Bianca

Arrivano le prime sconfitte giuridiche e possibili violazioni etiche per l’Amministrazione Trump, con effetti-boomerang e strascico di polemiche. L’uscita di un documentario su James Baldwin ne rilancia la previsione fatta negli anni ’60 sull’ “inevitabile arrivo di un instabile demagogo alla Casa Bianca”. Riparte la mobilitazione contro la Dakota Access Pipeline e ci si prepara per tornare a difendere la Net Neutrality. Un messaggio di resistenza diffusa che deve abbracciare anche le sponde europee, sostiene Der Spiegel.

Leggi il seguito

Caos, editti e retromarce. Donald già nei guai

Bugie, distrazione e confusione. Questa la ricetta su cui si basa il “Circo Trump”, come appare evidente dai suoi primi giorni di insediamento. Si preannuncia così una Presidenza a metà strada tra quella di Nixon (1969-74) e di Reagan (1981-89) entrambe a dir poco assai controverse per la storia moderna americana. Non a caso va già montando la raccolta di firme per richiedere fin da subito l’impeachment di Trump e lo stesso prevedono molti cittadini.

Leggi il seguito

Si rafforza il movimento anti-Trump, ma il presidente lo ignora

Sarà possibile canalizzare l’energia dei milioni di persone scese in piazza lo scorso fine settimana in un movimento unitario d’opposizione? Ne discutono attivisti, media, esperti e tanti cittadini. E se è ancora presto per dare risposte (positive o meno), proseguono a tamburo battente le iniziative locali e i rilanci online onde fronteggiare i primi, controversi ‘ordini esecutivi’ firmati dal neo Presidente. Insieme a crescenti timori per possibili restrizioni in arrivo nel mondo dell’informazione e del digitale.

Leggi il seguito

Usa, proteste mai viste prima per un Presidente già impopolare

Il giorno dell’insediamento Trump è stato accolto da quelli che appaiono sempre più come i “Divided States of America”. Sarà dura riunificarli. Intanto l’altrAmerica si prepara a un’opposizione variegata e spontanea nei confronti di un Presidente inatteso e controverso, che ha già toccato l’indice di gradimento più basso della storia (40-44%). Decine le proteste e i boicottaggi (con oltre 60 deputati democrat) organizzati in tutto il Paese e all’estero. Quali gli effetti complessivi? Intanto, aumentano dubbi e preoccupazioni.

Leggi il seguito

Parte l’attacco all’Obamacare, tra dubbi e dissensi sparsi

Mentre l’Internet Archive esporta materiali governativi su server basati in Canada per evitare possibili “oscuramenti” d’informazione e conoscenza, un membro del prestigioso Mormon Tabernacle Choir (che si esibirà nella cerimonia di investitura) si dimette come protesta pubblica contro Trump. Intanto la demolizione dell’Obamacare appare manovra ardua e complessa, e i media polemizzano perché da oltre 160 giorni Trump non tiene una conferenza-stampa.

Leggi il seguito

Transizione Trump fra timori, riflessioni e richiami al fascismo

Fra timori e controversie (assai malcelati) per la transizione Trump, non mancano utili editoriali e ponderati interventi dei cittadini. Oltre a certi riferimenti sul rapporto tra media Usa e fascismo/nazismo negli anni ’20-30, onde evitare di ripetere quel medesimo processo di “normalizzazione”. Intanto Sanders mobilita il mondo democrat verso manifestazioni di protesta per il 15 gennaio, e il Project 1461 propone quattro anni di attivismo diffuso e partecipato.

Leggi il seguito

Usa: agenda della resistenza e libertà di stampa a rischio

La settimana pre-natalizia è stata caratterizzata, a livello mainstream, dalle nuove nomine del Trump Team e dal voto degli Electoral College, che ne ha convalidato la vittoria nonostante diffusi richiami al “voto di coscienza“. Passata la paura con riferimento ai collegi, prende dunque forma l’Amministrazione “più ricca della storia Usa”. Sul fronte dell’attivismo, emerge intanto una dettagliata agenda per la “resistenza dei primi 100 giorni”.

Leggi il seguito

Trump e Sanders: transizione confusa vs. ‘rivoluzione gentile’

Nel passaggio verso la presidenza Trump, il clima politico interno resta opaco e confuso, tra possibili interferenze russe e nomine in corso assai controverse (anche tra gli stessi Repubblicani). Monta intanto il progetto di Bernie Sanders, “Our Revolution”, con l’omonimo libro già bestseller, incontri pubblici e altre iniziative. In preparazione proteste di massa per l’insediamento ufficiale di gennaio, a partire dalla Women’s March on Washington.

Leggi il seguito

Normalizzare la presidenza Trump? No, grazie

A un paio di settimane dall’elezione presidenziale forse più clamorosa della storia Usa, è in pieno corso il processo di normalizzazione. Almeno così si vorrebbe far credere: già tante le voci di protesta e le iniziative di opposizione (e sempre più saranno in futuro). Le varie coalizioni che stanno dando vita al dissenso, in maniera spontanea e trasversale, promettono battaglia. Anche sul fronte globale non mancano le voci informate di cittadini, esperti ed attivisti.

Leggi il seguito