La Casa Bianca alimenta divisioni, l’attivismo non demorde

Altra settimana caotica per il nuovo corso presidenziale. Dagli sviluppi sempre più intricati del ‘Russiagate’, con le rivelazioni di Assange sul cyber-arsenale segreto della Cia e il suo incontro con Farage, alla richiesta al Congresso di indagare sulla denuncia di Trump, secondo cui il predecessore Obama lo avrebbe fatto spiare (ma a cui non crede proprio nessuno). Intanto il movimento delle donne ha dimostrato una forte presenza di piazza per l’8 marzo e lo stesso si apprestano a fare i Nativi Americani con quattro giorni di proteste e dimostrazioni culturali nella capitale Washington. Cresce anche l’attivismo online a sostegno della privacy, anche per chi arriva alla frontiera Usa.

Leggi il seguito

Trump & co. tra rating al ribasso e scandali alle porte

Meno undici: questo l’indice di approvazione politico di Trump nel suo primo mese da presidente, il più basso da quando la Gallup ha iniziato a registrarli, nel 1953. E nei rating TV il primo intervento al Congresso ha registrato il meno 17% rispetto a quello di Obama nel 2009. Emergono altri dettagli sul “Russiagate” che pare estendersi a macchia d’olio. Crescono gli appelli alle dimissioni per il fresco Attorney General, John Sessions, mentre si preparano altre mega-manifestazioni per l’8 marzo (“A Day Without A Woman”).

Leggi il seguito