Africa, app e piattaforme on line nell’agricoltura verso il futuro

L’innovazione e l’uso della tecnologia mobile stanno cambiando anche il volto dell’economia tradizionale del continente. Ma l’età media degli agricoltori è 60 anni e questo nonostante il 60% della popolazione africana abbia meno di 24 anni. La speranza può venire proprio da un nuovo modello – pare emergente – di giovani proprietari di terre o possessori di imbarcazioni da pesca, urbanizzati e tecnologizzati. Vivono in città e spesso hanno un doppio lavoro ma controllano le loro terre e coltivazioni grazie a piattaforme online, app, smartphone.

Leggi il seguito

A un progetto italiano il Data Journalism Award 2015

People’s Republic of Bolzano, una finestra sulla comunità cinese del capoluogo altoatesino per combattere i cliché. Il lavoro ha visto impegnati un antropologo culturale, un giornalista, due designer e uno sviluppatore. Attraverso video-interviste, grafici e visualizzazione dei dati gli autori del sito hanno mostrando sfaccettature differenti dello stesso fenomeno e raccontato la storia – le storie – da diversi punti di vista. Sono saliti sul podio insieme a giganti dell’informazione: Al Jazeera, Wall Street Journal, BBC, La Nacion, Berliner Morgenpost.

Leggi il seguito

Graphic News, il mondo raccontato a matita

Può il mondo di oggi essere raccontato a fumetti? Graphic News, il primo portale nativo digitale di graphic journalism, crede di sì. E punta a dimostrarlo con una produzione di news disegnate molto innovativa e fruibile online. Il progetto è nato grazie al bando Culturability 2014 della Fondazione Unipolis: Michele Barbolini, uno degli ideatori del progetto, ci illustra le caratteristiche del portale, allargando lo sguardo anche sulle esperienze internazionali online di graphic journalism.

Leggi il seguito

TocTherapy: farmacie, cure e informazioni in un click

Un motore di ricerca specializzato in medicina, start up di studenti universitari del Politecnico di Torino. “Permetterà la ricerca di informazioni sanitarie come patologie, approcci terapeutici, esami diagnostici e relative strutture sanitarie iscritte, sia pubbliche che private, alle quali rivolgersi. Inoltre sarà possibile ricercare prodotti, esami e servizi erogati dalle farmacie iscritte sul portale. L’utente avrà inoltre la possibilità di registrarsi gratuitamente e creare delle proprie preferenze sanitarie su cui ricevere aggiornamenti anche su smartphone”.

Leggi il seguito

Cina, 641 milioni di utenti Internet sotto censura ideologica

Il Great Firewall è un mix di limitazioni tecniche e culturali che non permette agli utenti cinesi di accedere alla rete libera. Il sistema di sorveglianza, gestito dal ministro della Sicurezza Pubblica cinese, nega l’accesso a una lunghissima lista di siti, ricerche, contenuti e immagini che diffondono una cultura volgare o che (in qualche modo) minacciano la stabilità politica del Paese. È il caso di alcune pagine di Wikipedia, i servizi di Google, YouTube, Facebook, Twitter, Instagram e molti altri ancora.

Leggi il seguito

L’Africa e i suoi storyteller: i media e i social del continente

“Fino a che il leone non ha il suo storyteller, il cacciatore avrà sempre la parte migliore nella storia.” È un vecchio proverbio africano, che motiva assai bene il cambio epocale nel settore della informazione e dei mass media nel continente. Perché, se il racconto dell’Africa sui media occidentali è spesso stereotipato, blog e social africani offrono una narrazione più autentica. E da tempo l’Africa ha i suoi storyteller che raccontano assai meglio di molti media occidentali cosa accade nei suoi Paesi.

Leggi il seguito

Gillmor, giornalisti alzatevi in piedi e siate attivisti

Ci sono argomenti, come la libertà, su cui non si può fare a meno di essere chiari, alzare la voce e diventare attivisti. Il giornalista e scrittore americano Dan Gillmor approfitta del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia per lanciare un appello a chi fa informazione affinché le libertà fondamentali siano rispettate. “Alzatevi, fate sentire la vostra voce, diventate attivisti, altrimenti lascerete spazio a chi vorrà controllare il vostro, il nostro mondo, la nostra vita”.

Leggi il seguito

Foia4Italy, un Freedom of Information Act per l’Italia

La democrazia, ammoniva Tocqueville, è il potere di un popolo informato. Ma la cultura della trasparenza, almeno in Italia, non gode proprio di buona salute. Chi fa seriamente il giornalista, ma anche i cittadini più avveduti, lo sanno: avere accesso a informazioni raccolte dallo Stato è una strada tutta in salita. Per questo la società civile ha avanzato la proposta di legge Foia4Italy.

Leggi il seguito

Il prezzo del silenzio: sorveglianza di massa e auto-censura

Nei Paesi liberi, almeno uno scrittore su tre (34%) afferma di aver rinunciato a scrivere o parlare su argomenti scottanti, dopo le rivelazioni di Edward Snowden. E anche i giornalisti temono di essere sorvegliati. Ma ogni volta che un giornalista rinuncia a fare un ricerca su Internet per paura si perde qualcosa, qualcosa sarà raccontato male, una possibilità di creare un dibattito più consapevole scomparirà.

Leggi il seguito

Il difficile percorso dell’Internet Bill of Rights italiano

Dal 27 ottobre è aperta a pubblica consultazione a tutti i cittadini italiani la bozza di Dichiarazione dei diritti in Internet: nonostante l’evidente importanza di un esperimento come questo, che finora ha avuto pochi precedenti a livello internazionale, la consultazione in corso non ha purtroppo suscitato nel nostro Paese un sufficiente grado di interesse. La bozza resterà accessibile fino al 31 marzo prossimo, ancora disponibile dunque sulla piattaforma online dedicata per alcune settimane.

Leggi il seguito
Pagina 5 di 13« Prima...34567...10...Ultima »