Media sotto attacco e attivismo in fermento, arriva Donald

Nella prima conferenza-stampa dopo sei mesi, il neo-presidente attacca a testa bassa i media, per poi dedicarsi al tipico “Twitter storm”, alimentando i dubbi sulla trasparenza, il dibattito pubblico, la molteplicità delle voci diverse. E mentre proseguono le controverse audizioni al Senato sul possibile gabinetto più ricco della storia Usa, il fronte del dissenso continua ad allargarsi (e organizzarsi), inglobando anche molti seguaci buddisti — tra una miriade di iniziative diffuse per superare attriti e spaccature profonde.

Leggi il seguito

Parte l’attacco all’Obamacare, tra dubbi e dissensi sparsi

Mentre l’Internet Archive esporta materiali governativi su server basati in Canada per evitare possibili “oscuramenti” d’informazione e conoscenza, un membro del prestigioso Mormon Tabernacle Choir (che si esibirà nella cerimonia di investitura) si dimette come protesta pubblica contro Trump. Intanto la demolizione dell’Obamacare appare manovra ardua e complessa, e i media polemizzano perché da oltre 160 giorni Trump non tiene una conferenza-stampa.

Leggi il seguito

Transizione Trump fra timori, riflessioni e richiami al fascismo

Fra timori e controversie (assai malcelati) per la transizione Trump, non mancano utili editoriali e ponderati interventi dei cittadini. Oltre a certi riferimenti sul rapporto tra media Usa e fascismo/nazismo negli anni ’20-30, onde evitare di ripetere quel medesimo processo di “normalizzazione”. Intanto Sanders mobilita il mondo democrat verso manifestazioni di protesta per il 15 gennaio, e il Project 1461 propone quattro anni di attivismo diffuso e partecipato.

Leggi il seguito

Usa: agenda della resistenza e libertà di stampa a rischio

La settimana pre-natalizia è stata caratterizzata, a livello mainstream, dalle nuove nomine del Trump Team e dal voto degli Electoral College, che ne ha convalidato la vittoria nonostante diffusi richiami al “voto di coscienza“. Passata la paura con riferimento ai collegi, prende dunque forma l’Amministrazione “più ricca della storia Usa”. Sul fronte dell’attivismo, emerge intanto una dettagliata agenda per la “resistenza dei primi 100 giorni”.

Leggi il seguito

Trump e Sanders: transizione confusa vs. ‘rivoluzione gentile’

Nel passaggio verso la presidenza Trump, il clima politico interno resta opaco e confuso, tra possibili interferenze russe e nomine in corso assai controverse (anche tra gli stessi Repubblicani). Monta intanto il progetto di Bernie Sanders, “Our Revolution”, con l’omonimo libro già bestseller, incontri pubblici e altre iniziative. In preparazione proteste di massa per l’insediamento ufficiale di gennaio, a partire dalla Women’s March on Washington.

Leggi il seguito

Normalizzare la presidenza Trump? No, grazie

A un paio di settimane dall’elezione presidenziale forse più clamorosa della storia Usa, è in pieno corso il processo di normalizzazione. Almeno così si vorrebbe far credere: già tante le voci di protesta e le iniziative di opposizione (e sempre più saranno in futuro). Le varie coalizioni che stanno dando vita al dissenso, in maniera spontanea e trasversale, promettono battaglia. Anche sul fronte globale non mancano le voci informate di cittadini, esperti ed attivisti.

Leggi il seguito
Pagina 2 di 212