Le priorità dei “governi”. Il caso del Madagascar

A lungo fuori dal radar mediatico, da due anni sotto il regime militare di Andry Rajoelina, il Paese ha visto l’ennesimo tentativo di golpe nel recente referendum costituzionale. Nel frattempo crescono i problemi, incluso il traffico illegale di legno pregiato e la diffusa povertà. Con un’economia fragile e un patrimonio ambientale ingente ma in grave pericolo, servirebbe maggiore attenzione dalla comunità internazionale e non certo l’alternarsi di repentini rovesciamenti istituzionali.

Leggi il seguito

Kenya: le ricadute derivanti dall’aumento mondiale del prezzo del grano

In uno scenario di crisi economica, la crisi del grano russo ha rilanciato l’attenzione sulle problematiche del settore alimentare e sull’instabilità dei prezzi dei beni di prima necessità. La destabilizzazione attuale sembra essere un fenomeno in fieri, che non ha ancora pienamente rivelato le sue conseguenze nel medio-lungo periodo. A pagare saranno soprattutto i Paesi in via di sviluppo, come il Kenya, che basano la propria alimentazione sui derivati del grano.

Leggi il seguito

Il mercato del cotone: quali opportunità per i Paesi africani?

L’aumento del prezzo del cotone sul mercato internazionale rappresenta un’opportunità per i Paesi africani produttori dell’oro bianco. Da sempre scalzati dalla supremazia statunitense e asiatica, gli Stati dell’Africa hanno la possibilità di crescere e di conquistare una posizione importante nel mercato della fibra più utilizzata al mondo. (Ripreso da Equilibri.net, con autorizzazione)

Leggi il seguito

Come salvare i maestri cantori della Place Jemaa el Fna, a Marrakech?

I maestri cantori della Place Jemaa el Fna sono gli ultimi protagonisti di un patrimonio culturale orale secolare e unico nel suo genere, purtroppo in via di estinzione nonostante i formali riconoscimenti dell’Unesco. Ce ne parla in presa diretta Paolo Pautasso da Marrakech, Marocco.

Leggi il seguito
Pagina 23 di 23« Prima...10...1920212223