L’Unione Africana e la gestione della crisi libica

La crisi libica è una delle più recenti pagine della Primavera Araba, ma anche quella che rimarrà tra le più durature, dato il numero di attori intervenuti a vario titolo nel conflitto. Pubblichiamo un focus di Equilibri sul ruolo svolto dell’Unione Africana che, sin dalle primissime fasi, ha condannato le incursioni aeree delle forze della NATO ma non ha potuto incidere significativamente nella soluzione della crisi: ancora una volta non si è trovata “la soluzione africana ai problemi africani”.

Leggi il seguito

Sud Sudan, corsi di informatica in un villaggio

Il progetto è stato avviato a Mapuordit, in una comunità seguita dai comboniani. Iniziato con sei notebook, l’aiuto di Informatici Senza Frontiere e amici di Facebook ora si sta espandendo. L’obiettivo è creare una scuola di preparazione per futuri insegnanti di informatica. Anche con l’ambizione di fornire skills utili ad entrare nel mondo del lavoro. Va ricordato che il Sud Sudan, lo Stato africano più giovane è anche tra i più poveri del continente.

Leggi il seguito

Africa: energia e opportunità d’investimento

Pur contando entro i suoi confini alcuni degli Stati più poveri del mondo, l’Africa ha ampia disponibilità di risorse naturali inutilizzate. Così, con opportuni sostegni all’economia, l’industria dell’energia, ancora sostanzialmente marginalizzata, potrebbe diventare uno dei settori guida dello sviluppo.

Leggi il seguito

Sud Sudan: "finalmente liberi"

Così hanno detto di sentirsi i cittadini della nuova Nazione nel giorno della cerimonia che ne ufficializzava la nascita: “liberi”. Il 9 luglio è nato il 54esimo Stato africano, dopo anni di guerra, migliaia di vittime e tentativi di negoziati. Cosa pensa la popolazione di questo storico evento? In questo post, pubblicato su Global Voices, le reazioni di alcuni blogger.

Leggi il seguito

Terra africana, fra speculazione e sviluppo

Continua la corsa all’investimento nei Paesi africani per accaparrarsi la terra. Da un recente rapporto del think tank indipendente Oakland Institute emerge che fra gli investitori privati (oltre agli Stati sovrani che investono per motivi strategici legati al fabbisogno alimentare) cresce il numero delle società finanziarie che gestiscono fondi speculativi.

Leggi il seguito

Guinea Conakry, suggerimenti per una democrazia africana

Human Rights Watch ha recentemente presentato un Rapporto sul Paese, di cui sono stati analizzati gli aspetti legati ai diritti civili, politici e ai diritti umani. A un anno dalle prime elezioni libere dall’inizio della storia di questa giovane democrazia dell’Africa occidentale l’ONG ha lungamente presidiato e “studiato” il territorio, fornendo uno spaccato ampio e documentato della situazione.

Leggi il seguito

Egitto: la democrazia non ci è data, ma è qualcosa a cui tendere

E’ il messaggio che giunge da Aalam Wassef, blogger e produttore di media virali egiziano, le cui campagne online hanno accompagnato il processo di riscatto civile in Egitto. Ne parla in un documentario prodotto dal sito latino americano NarcoNews, che quest’anno ha dedicato all’Egitto parte della sua programmazione, raccontando la rivoluzione egiziana anche attraverso alcuni dei suoi artefici.

Leggi il seguito

Africa: la sabbia, oro del deserto

La sabbia è una materia prima impiegata in numerose produzioni industriali. Il suo impiego può essere diretto o indiretto, ma sempre necessario. L’Africa ne è piena. E pochi la esportano. Il motivo principale alla base della scarsa diffusione di questa attività è il ridotto margine di profitto che si può ricavare. Questo margine è contenuto a causa dei consistenti costi di trasporto e del prezzo relativamente ridotto della sabbia sul mercato. (Equilibri)

Leggi il seguito

Una speranza chiamata permacultura

In Africa un sistema di coltivazione basato sulla cosiddetta “permacultura” può aiutare le popolazioni locali a superare la fase della semplice economia di sussistenza. Nello stesso tempo, può favorire il rispetto e la conoscenza del proprio territorio difendendolo – se possibile – dalle logiche perverse dello sfruttamento delle multinazionali. Moira Fusco, al ritorno del suo viaggio in Benin ci racconta come funziona.

Leggi il seguito

Le donne africane meritano il Nobel per la Pace

Candidare il genere femminile di un intero continente al Nobel per la Pace ha un forte valore simbolico che da un lato vuole aiutare le donne di quel continente a riscattarsi, dall’altro vuole accendere i riflettori sulle tante azioni positive e spesso silenziose portate avanti per il rispetto dei diritti umani, la convivenza civile e il miglioramento delle condizioni di vita. Questo è lo scopo della Campagna Noppaw che sollecita l’assegnazione del Nobel 2011 alle donne africane.

Leggi il seguito
Pagina 20 di 23« Prima...10...1819202122...Ultima »