Gambia, una donna sfiderà Jammeh. Diritti e lotta alle disparità

presgambiabroom
Foto tratta dal sito web di Isatou Touray

La vera notizia riguardo alle prossime elezioni presidenziali in Gambia è lei, Isatou Touray, classe ’55, candidata a riportare il Paese su altre strade di equità (anche di genere), pace e sviluppo.  Attivista, accademica, impegnata su vari fronti nella società e nella politica del suo Paese, Isatou ha già cominciato una campagna elettorale fatta di incontri e dialoghi con la sua gente, macinando chilometri, soprattutto nelle aree rurali.

Le sue “promesse”? Tutte nel piano politico – chiaro e definito – pubblicato sul web. Una presentazione che sa di determinazione ed esperienza. Touray dovrà vedersela con l’attuale presidente – ricandidato – Yahya Jammeh, alla guida del Paese da 22 anni e con il suo maggiore opponente, l’uomo d’affari Adama Barrow.

Jammeh, è conosciuto dalla comunità internazionale per una serie di crimini e di amministrazione “terroristica” del suo Paese. Nel mirino soprattutto i suoi opponenti politici, giornalisti e la comunità LGBT.

Il simbolo della candidata è una scopa, tanti piccoli bastoncini legati insieme a rappresentare l’unità e l’obiettivo comune dei tanti gruppi gambiani. Ma anche il simbolo della pulizia dal passato e del riordino futuro.

Chi cambierà il Paese se non noi?” è la domanda ripetuta ai suoi concittadini di Isatou Touray. Conosciuta per le sue battaglie a favore delle donne e per l’abolizione della pratica delle mutilazioni genitali femminili, Touray sta sfidando l’establishment mettendo anche a rischio la propria incolumità, secondo Human Rights Watch.

Il Gambia – dichiarato Repubblica islamica dal presidente Jammeh a dicembre dello scorso anno – è un piccolo Paese dell’Africa occidentale. La combinazione di povertà, repressione e scarse aspettative per il futuro starebbe portando molti a tentare di abbandonare il Paese. Così come aveva cercato di fare il celebre lottatore Ali Mbengu, inghiottito dal Mar Mediterraneo mentre cercava di raggiungere l’Italia dopo un viaggio incredibile – come lo sono quelli dei migranti – dal deserto alla Libia.

Le elezioni in Gambia si svolgeranno il 1 dicembre. Una speranza di cambiamento per tanti giovani come Ali.

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista e blogger su Ghanaway. Si interessa e scrive di Africa, diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *