My Africa, la competizione che fa raccontare il continente

moibrahimcompetition

Conoscere l’Africa (anche) attraverso le sue immagini. Attraverso la fotografia. Ma non quella fermata attraverso l’occhio occidentale. Quella raccontata da africani. Giovani, meno giovani, professionisti, appassionati, studenti. O semplicemente osservatori del proprio quotidiano.

L’edizione 2016 della Mo Ibrahim Foundation Photography Competition, mette in luce realtà e situazioni di questo continente. E naturalmente, mette in luce talenti.

Tema della competizione, “My Africa“. E non poteva essere diversamente.

Cinque le categorie: Sicurezza e Stato di Diritto, Partecipazione e Diritti Umani, Economia Sostenibile, Sviluppo Umano e Spirito Africano.

Questa era anche l’occasione del 10° anniversario dalla nascita della fondazione e ai partecipanti è stato chiesto “to pick up a camera or a phone and send us an image that encapsulated their perception of Africa over the coming decade“. Vale a dire di “rappresentare” attraverso shot – non importa se con macchine professionali o smartphone – la percezione del continente estesa al decennio prossimo. Il presente che si manifesterà nel futuro, insomma.

Sfide e prospettive future, che – si augura la Fondazione fondata e guidata dal miliardario e magnate sudanese, Mo Ibrahim – dovrebbero servire a stimolare la classe dirigente nelle decisioni che riguardano i loro Paesi.

Quella che abbiamo scelto per la copertina è la foto del vincitore per la sezione professionisti. Si tratta dell’immagine di un giovane pescatore nel lago Turkana, in Kenya.

Vale comunque la pena di prendersi un po’ di tempo per guardare da vicino anche tutte le altre.

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista e blogger su Ghanaway. Si interessa e scrive di Africa, diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *