Africa, app e piattaforme on line nell’agricoltura verso il futuro

L’Africa dell’innovazione gioca da tempo le sue carte migliori nel settore delle applicazioni smartphone o sistemi studiati per semplici cellulari. La tecnologia mobile è diventata un valore aggiunto grazie a sviluppatori e incubatori d’impresa formati da giovani talenti, per quei settori – come l’agricoltura e la pesca – che ancora rappresentanto l’economia portante del continente.

Alcune iniziative fanno capo alla InfoDev, programma di assistenza, supporto e finanziamento nell’ambito dei programmi della World Bank. Si partecipa a competizioni, si mostrano i risultati delle proprie idee e sperimentazioni ed, eventualmente, si accede a finanziamenti e, naturalmente, a una buona dose di pubblicità. Così è andata – per esempio – per Farmerline in Ghana. In sostanza un programma che consente di inviare messaggi agli agricoltori nelle loro lingue locali. Accesso a informazioni finanziarie, sui prezzi di mercato, su tecniche di coltivazione trasmesse da un team di esperti a contadini sparsi anche in piccoli e isolati villaggi. E con l’ausilio di coordinate GPS. Sempre in Ghana, è stato un modello il CocoaLink, pensato per mettere in comunicazione i produttori di cacao delle piantagioni dell’area occidentale della Regione (il Ghana è il secondo esportatore mondiale dopo la Costa d’Avorio) e fornire scambi di informazioni sia tra loro che da parte di esperti. Dopo una fase pilota il progetto è passato al Ghana Cocoa Board.

Anche Mlouma – dal Senegal – si rivolge al mondo agricolo, ma fa di più: il sito è anche una piattaforma di e-commerce dove è possibile mettere in vendita e acquistare frutta e verdura dai produttori locali. Ovviamente l’accesso è possibile anche attraverso una app mobile.

In Kenya è direttamente una compagnia telefonica, i-Shamba, ad aver strutturato un sistema che consente agli agricoltori – dietro un modesto costo di abbonamento per il servizio – di ricevere informazioni sulle valutazioni di mercato o suggerimenti e indicazioni in caso di problemi con le colture o il raccolto. Sempre in Kenya, ma nel settore della pesca, è nato l’Electronic Fish Market Information System (EFMIS-Ke), un progetto per archiviare e inviare informazioni. Uno strumento pensato non solo per i pescatori, ma per controllare e migliorare la fauna del grande lago Vittoria e dei laghi Turkana, Naivasha, Baringo e l’intera fascia della costa marina. Il progetto porta la firma dell’Istituo di ricerche marine e sulla pesca keniota. E ancora in Kenya, la piattaforma Akili facilita la tracciatura dei prodotti e la catena di produzione.

Immagine tratta dal sito Africa Progress Panel (http://www.africaprogresspanel.org/homepage/)
Immagine tratta dal sito Africa Progress Panel (http://www.africaprogresspanel.org/homepage/)

Altra applicazione mobile rivolta agli agricoltori, stavolta in Tanzania, è Farming Instruction, che si propone di offrire informazioni – online e offline – ai contadini e alle loro comunità. Text To Change, in Burkina Faso, Kenya ma anche Tanzania, è una piattaforma di messaggistica che – spesso in accordo con programmi e campagne dei Governi locali – invia informazioni agli utenti e possessori di cellulari.

Applicazioni e utilizzo sempre più diffuso del cellulare hanno anche consentito la crescita dell’home banking. Per molti piccoli agricoltori è ancora difficoltoso capire come accedere a tali servizi e convincersi della loro utilità. Ma programmi come l’E-voucher in Zimbabwe, l’E-wallet in Nigeria, l’M-Malawi in Malawi al di là dei numeri e del successo (in alcuni casi mancato) hanno proprio l’obiettivo di aprire canali nuovi e più moderni anche per operazioni commerciali e transazioni di denaro di piccola e media portata.

Il problema è: è disponibile (ed è capace) la vecchia generazione di pescatori e agricoltori dell’Africa sub-sahariana a correre così velocemente per stare al passo con i cambiamenti?

Si presenteranno così gli agricoltori del futuro grazie alle app? Foto pubblicata su Flickr da ICT4D con licenza CC ( BY-SA 2.0)

Un recente rapporto della FAO evidenzia il costante processo di urbanizzazione, in corso non solo nel continente Africa. Il Report fa notare anche che l’agricoltura africana è mossa da mani anziane. L’età media degli agricoltori è 60 anni e questo nonostante il 60% della popolazione africana sia al di sotto dei 24 anni di età. La speranza può venire proprio da un nuovo modello – pare emergente – di giovani proprietari di terre o possessori di imbarcazioni da pesca, urbanizzati e tecnologizzati. Vivono in città e spesso hanno un doppio lavoro ma controllano le loro terre e coltivazioni grazie a piattaforme online, app, smartphone.

A questi si rivolge il risultato di una ricerca IBM, EZ-Farm. Il progetto – ancora in fase di sperimentazione – è l’ingegnosa combinazione di un sensore che registra lo stato del terreno, di un sistema di verifica del livello dell’acqua nel serbatoio e di una camera ad infrarossi che registra la crescita delle piante. Tutte informazioni che sarà possibile trasmettere via app agli agricoltori tecnologizzati ormai all’avanguardia rispetto ai loro padri.

Saranno le app a traghettare l’agricoltura e la pesca in Africa verso il futuro?

Antonella Sinopoli

Giornalista professionista e blogger su Ghanaway. Si interessa e scrive di Africa, diritti umani, questioni sociali. Ha viaggiato molto prima di fermarsi in Ghana e decidere di ripartire da lì. Ma continua ad esplorare, in uno stato di celata, perenne inquietudine. Poiché il mondo è troppo grande per una vita sola, ha scelto di viverne tante. Direttore responsabile di Voci Globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *