Libertà di parola, il sogno di un illustre economista cinese

[Post ripubblicato dall’originale di Luo Ya per Epoch Times, in base a un accordo di condivisione di contenuti editoriali tra Voci Globali ed Epoch Times Italia.]

Mao Yushi, economista liberale cinese e noto critico del regime, ha recentemente affermato che se potesse ottenere qualcosa per il nuovo anno sarebbe la libertà di parola. Durante un forum economico a Pechino ha colpito nel profondo la Cina, sostenendo che la libertà di parola è il diritto più importante e che sembra diventare sempre più preziosa nel contesto delle inesorabili repressioni del leader del Partito Xi Jinping. “Abbiamo un sogno cinese, ma per renderlo realtà non importa quanto solida sia la nostra economia, ciò che conta è guadagnare il rispetto delle persone dai loro cuori. Siamo ben lontani dal raggiungere l’obbiettivo. Il motivo? La questione prioritaria è la libertà di parola, senza di essa non abbiamo più niente di cui parlare”, ha affermato l’86enne Mao nel suo discorso di apertura al forum.

Mao Yushi, screenshot di unirule.org.cn.

Il 9 gennaio scorso l’Unirule Institute of Economics di Pechino, ha tenuto il forum sui ‘Desideri del nuovo anno’, alla presenza di molti studiosi ed economisti, incluso Mao, presidente onorario dell’istituto.

Mao ha dichiarato a Epoch Times che la maggior parte degli studiosi ha menzionato la questione del giorno. “L’incontro riguarda i desideri per il nuovo anno e molti studiosi hanno parlato di libertà di parola… Credo che ciò sia molto significativo”, ha affermato Mao.

Mao ha riferito che l’aggressione più recente delle autorità cinesi sulla libera espressione è stato il tentativo di applicare un sistema di registrazione per il nome autentico su internet. Tali politiche accompagnano arresti di massa di intellettuali ritenuti dissidenti per i loro discorsi, “il che è totalmente inappropriato”, ha aggiunto Mao.

Nel suo discorso di apertura Mao ha affermato che se la libertà di parola viene garantita in una società è un considerevole criterio per valutare se quella società stia andando avanti o indietro.

Il mio desiderio per il 2015 è la libertà di parola. È la cosa essenziale. Se la libertà di parola non viene garantita, non sarà raggiunto nulla. Bisognerebbe combattere per la libertà di parola. Non ci è data.

Essendo uno degli economisti liberali più conosciuti, i commenti di Mao sono circolati ampiamente sull’Internet cinese per più di una settimana dopo essere stati espressi.

Una delle risposte più popolari riporta: “Quando ho criticato il Governo, alcuni hanno commentato “Mangi la carne dalla tua ciotola e poi rimproveri tua madre non appena posi le bacchette”. La mia risposta è: prima di tutto, la carne che ho mangiato non proveniva dal Governo. L’ho comprata con il mio sudato denaro, e guadagnare denaro è diritto di tutti i lavoratori. Secondariamente il Governo non è mia madre. È il servitore delle persone che dipende dalle tasse di quest’ultime . Le riforme della Cina sono state eseguite con l’impegno dei Cinesi. Terzo, in quanto cittadino, certamente non hai nessun bisogno di essere grato al Governo!”.

Tradotto e scritto in inglese da Lu Chen.

Articolo in inglese: Prominent Chinese Economist’s New Year Wish: Freedom of Speech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *